Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

La scoperta nelle acque siciliane di Capo San Vito (TP)

Mediterraneo: scoperto corallo che si illumina con contatto fisico



Mediterraneo: scoperto corallo che si illumina con contatto fisico
16/10/2011, 12:10

TRAPANI - Che il mar Mediterraneo ci nascondesse delle bellezze uniche, era un qualcosa di scontato, ma l’ultimo ritrovamento tra le sue acque, ha un qualcosa di veramente eccezionale, per la scoperta di un corallo nero, che si illumina appena toccato fisicamente, e che finora, dato l’ultimo avvistamento, si pensava potesse vivere soltanto nell'Oceano Pacifico, a 700 metri di profondità. Il merito dell’eccezionale scoperta va all'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), che ha usufruito dei finanziamenti del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, e del supporto di alcuni ricercatori provenienti dall'università Politecnica delle Marche, dall'Università di Pisa, e dagli atenei di Napoli "Parthenope" e Bologna. La rarissima specie di corallo fa parte del gruppo degli zoantidei ed è stata avvistata a 270 metri di profondità nelle acque siciliane di Capo San Vito. Una scoperta importante dato che, il riscaldamento delle temperature e il sempre più crescente inquinamento delle acque marine, ogni anno stermina metri e metri di barriera corallina nel Mediterraneo.

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©