Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

In questa missione anche un astronauta italiano

Meno di 24 ore all'ultimo lancio della Shuttle


Meno di 24 ore all'ultimo lancio della Shuttle
28/04/2011, 09:04

FLORIDA (USA) - Salvo imprevisti, le 3.47 del 29 aprile 2011 saranno la data dell'ultimo lancio della Shuttle, dopo 30 anni di onorato servizio. Sarà l'Endeavour a partire dalla base di Cape Canaveral in Florida, col suo carico, davanti ad oltre 120 mila curiosi che saranno col naso in su a guardare l'evento. Tra loro ci saranno due curiosi particolari. Uno sarà il Presidente Barack Obama, venuto in Florida per il suo tour elettorale che lo porterà alle elezioni presidenziali del novembre 2012. Un'altra è Gabrielle Giffords, la deputata repubblicana che venne colpita lo scorso gennaio alla testa da un proiettile sparato da uno squilibrato che la accusava di aver votato la legge sulla riforma sanitaria. Rischiò la vita, addirittura le prime agenzie la davano per morta; ma è sopravvissuta. E domani starà a guardare la partenza del marito, l'astronauta Mark Kelly.
E insieme a lui, sullo Shuttle ci sarà anche l'italiano Roberto Vittori, incaricato di posizione sulla ISS, la piattaforma spaziale europea, un nuovo strumento, anch'esso di concezione italiana. Si tratta dell'AMS, un apparecchio di nuova concezione per "dare la caccia" alle particelle elementari che compongono i raggi cosmici. Si tratta del più potente e perfezionato strumento per l'esplorazione spaziale dopo il telescopio Hubble ed anche l'ennesimo tentativo di poter scrivere le pagine ancora mancanti sull'inizio della storia dell'universo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©