Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

MINI Paceman. Una presentazione di stile. Quando l'abito fa il Monaco


MINI Paceman. Una presentazione di stile. Quando l'abito fa il Monaco
16/03/2013, 11:05

MINI Paceman è arrivata in città. La prima Sports Activity Coupé nel segmento premium delle vetture compatte e di piccola cilindrata, ha espresso il suo mood sportivo e sofisticato, il suo tradizionale go-kart feeling e il suo carattere innegabilmente urbano in una serie di iniziative durante la presentazione stampa a Torino. L’occasione per vivere un’esperienza personale e unconventional in perfetto MINI style.

La nuova MINI Paceman incarna uno stile di vita ricercato e anche un po’ sfrontato che ben delinea le caratteristiche contemporanee di un ipotetico “Mr. Paceman”, uomo in carriera che vive in una grande metropoli, ama il design, veste con ricercatezza e studia con cura ogni dettaglio.

Così al suo arrivo in città MINI Paceman è stata accolta da una serie di iniziative che ne incarnano il design di carattere. Gli ospiti dell’esclusivo evento hanno potuto creare il proprio look grazie al personal stylist e al barbiere, vivere l’esperienza vintage di un lustrascarpe, divertirsi a cena con un menù ideato e realizzato sui sette vizzi capitali e rinfrescare l’abitacolo della propria Paceman con la nuova fragranza Panama 1924.


MINI Style: fashion stylist, barbiere e lustrascarpe

Prima di salire a bordo della nuova Sports Activity Coupé di MINI è necessario curare il proprio look da capo a piedi, renderlo unico e ricercato, sofisticato e di tendenza e, per fare questo, MINI Paceman si avvale della consulenza preziosa di grandi esperti.

Boellis, barbieri di Napoli dal 1924, realizzano tagli di capelli di tendenza, un vero e proprio “cutting edge haircut” che fa scuola in tutto il mondo: via la brillantina, i capelli devono essere liberi. “Il taglio di capelli Boellis lo riconosci subito: la linea dei capelli è naturale e quando il cliente fa uno shampoo dopo qualche giorno, il taglio conserva intatta quella naturalezza. È il taglio di capelli che pettina!”, sentenzia Peppino, mago delle forbici.

“Fashionating” The Style, Reviewed. Al look ci ha pensato Peter Cardona, un Fashion Styling nato in Sicilia nel 1977 che dopo gli studi in Architettura si è immerso nelle tendenze milanesi muovendo i primi passi nell’editoria come assistente per riviste come L’Uomo Vogue, Flair e Grazia. In seguito affina il suo gusto come redattore per Vanity Fair e Glamour Russia, mentre oggi il suo fiuto per tutto ciò che è cool trova libero sfogo nelle collaborazioni come Fashion Editor per GQ Italia e come Fashion Consultant per diversi brand.

Infine, le scarpe preferite riscoprono nuova vita tra le mani di Alexander Nurulaeff e l’esperienza dal sapore vintage del lustrascarpe diventa una tecnica di alto artigianato grazie alle apprezzate doti di uno specialista della colorazione a mano per calzature. Dopo la formazione come pittore e anni di studio dei pellami più pregiati, Alexander Nurulaeff completa fino alla punta dei piedi lo stile impeccabile dell’uomo MINI e porta l’antica tecnica della Patina (colorazione artistica di calzature e oggetti in pelle interamente realizzata a mano) ad una perfezione ineguagliabile.

MINI Paceman’s cooking style

Anche la cena diventa un viaggio e ognuna delle sette portate pensate dallo Chef Massimo Guzzone per MINI Paceman è un vizio capitale. Si parte con “il sandwick” accidia e dalla superbia de “il gallo del pollaio” per consacrare un’auto consapevole di essere ben disegnata e di una categoria superiore. L’appetito di strade sempre diverse, di curve da prendere in velocità e di paesaggi da scoprire, richiama alla mente il peccato capitale della gola e il piatto è “l’uovo di lusso”. L’avarizia si trasforma in “Einsparung”, ovvero parsimonia di consumi e di emissioni, e nella portata “L’oliva di Totò”. La lussuria è l’ostrica, l’ira è il gazpacho piccante e la cena si conclude con la consapevolezza che MINI Paceman genera un po’ di invidia: è il suo momento, la summa dei peccati capitali da cui si capisce come gli stessi siano irresistibili. Il gran finale è il dessert “cioccolato di Gobino contro Valronà”.


Fragranza Panama 1924

Dopo la vista ed il gusto, MINI Paceman style coinvolge anche l’olfatto grazie alla nuova fragranza Panama 1924. Da un bouquet di vaniglia e fiore del tabacco miscelati con gli agrumi nasce, infatti, un’alchimia speziata e rinfrescante da indossare e – perché no – da spruzzare nell’abitacolo della propria MINI Paceman.

I luoghi dell’evento: tra design e urban loft

Non solo look, food e beauty. Lo stile MINI va vissuto a 360° negli spazi urbani e contemporanei. La casa di “Mr. MINI Paceman” è un urban loft, una costruzione dismessa, trasformata e rivisitata, che cambia la sua destinazione d’uso, conserva la sua storia, si veste di mobili di design e trasmette emozioni forti.

Le location scelte per l’evento MINI Paceman di Torino ricalcano queste caratteristiche di ricerca architettonica e straniamento nei confronti dai tradizionali canoni abitativi e, in pieno centro città, gli ospiti si trovano catapultati nel mondo parallelo di “L’église”, antica chiesa metodista dell’800, ormai sconsacrata e trasformata dall’architetto Matteo Casalegno in uno spazio espositivo unico e di grande fascino. L’église è un modern emotional living store capace di spostare i confini dell’esperienza di shopping e permettere di entrare in contatto, acquistare o semplicemente ammirare – in un’esperienza quasi mistica – le ultime tendenze del design d’autore.

Lo Spazio Hoffmann di Cambiano (TO) è la vera location simbolo dell’urban living e dell’industrial chic, tipici dello stile MINI. È la sintesi perfetta del concetto di unconventional living di MINI Paceman: si tratta di una vecchia fornace dismessa trasformata in spazio espositivo di grande fascino e maestosità. Una bellezza architettonica industriale di inizio secolo scorso dove il mattone rosso trasmette solidità, il vetro permette alla luce di illuminare gli interni e i grandi spazi donano una sensazione di vertigine, crocevia tra tendenze, modernità e rivisitazione del passato. In sintesi il luogo perfetto per vivere il MINI style.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©