Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

La migliore concessionaria auto del Meridione

Mirandautomotive si conferma leader nel Sud Italia


Mirandautomotive si conferma leader nel Sud Italia
10/02/2009, 13:02

Per il terzo anno consecutivo, Mirandautomotive è leader nel Mezzogiorno nella distribuzione di auto e veicoli commerciali. E’ quanto emerge dalla classifica dei concessionari italiani stilata dalla società di ricerca Quintegia.
Mirandautomotive si conferma primo dealer del Sud Italia con un fatturato di 213 milioni di euro (anno 2007), distanziando nettamente il gruppo pugliese che, con 135 milioni, si colloca al secondo posto.
Siamo primi - afferma il direttore brand e commercial, Francesco De Carolisperché abbiamo adottato la competition value. Il nostro marketing – continua il manager – è fortemente innovativo per un settore maturo nel quale i dealer, specie qui al Meridione, non adottano strategie ma mere politiche di vendita incentrate sul prezzo”
L’indagine di Quintegia rivela che Mirandautomotive è leader nel Mezzogiorno anche per numero di vetture vendute.
Nel 2008 il gruppo ha collocato sul mercato 13.756 vetture - di cui 10.693 auto nuove - con un incremento del 2% sui volumi dell’anno precedente. Stessa variazione per la share relativa alle immatricolazioni a Napoli e provincia, che si è attestata al 20%.
Una performance più che positiva – dichiara De Carolis – visto che, lo scorso anno, il principale mercato in cui operiamo, con il 13% di immatricolazioni in meno rispetto al 2007, ha vissuto una vera e propria Caporetto”.  
Le parole d’ordine di Mirandautomotive sono sviluppo ed occupazione. Nelle scorse settimane il gruppo ha ampliato l’offerta con Skoda e i veicoli commerciali Volkswagen, ed ha aperto due nuovi showroom: il primo per Skoda ad Agnano, l’altro per Volkswagen sulla via Nazionale delle Puglie.  
Quest'anno apriremo altre sedi nel napoletano – annuncia il direttore brand e commercial – l'obiettivo è tornare a crescere ad un tasso del 20% per realizzare 20mila immatricolazioni nel 2011”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©