Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

La Francia avverte:Rischio di trasmettere agenti infettivi

Moda pericolosa:Crescono le donazione di latte online

Le donne italiane sono le uniche a non fidarsi del web

Moda pericolosa:Crescono le donazione di latte online
06/05/2011, 17:05

Un grave pericolo si stà diffondendo in Europa e in particolare in Francia: Quello della donazione on line di latte materno. L’allarme è partito proprio dalla Francia, un agenzia per la sicurezza sanitaria ha ritenuto opportuno mettere in guardi tutte le donne circa tale pratica in quanto altamente pericolosa.
Sono in continuo aumento le donne che avendo carenza di latte lo richiedono sul web, in particolar modo su facebook. Il problema nasce dall’assenza di controlli sanitari sulle donne che si prestano da balie on line.
Questa pratica, importata in Europa dagli Stati Uniti si è diffusa molto velocemente, lasciando fuori momentaneamente l’Italia, ancora troppo restia, fortunatamente all’acquisto di latte on-line. Questa pratica risulta essere altamente pericolosa per la facilità e velocità con la quale si posso trasmettere agenti infettivi come le meningiti, rosolia, epatiti e Hiv. Un pericolo che deve essere immediatamente interrotto e per questo l’Agennxia francese di sicurezza sanitaria(Afssaps) ha appena lanciato l’allarme, mettendo in guardia sull’assenza di controlli microbiologici e sierologici sulle donatrici in quanto effettuano donazioni al di fuori di strutture preposte. La rete mondiale maggiormente esposta al pericolo è "The Human Milk for Human Babies Global Network", sulla cui pagina principale sono iscritte alcune migliaia di che si scambiano anche consigli e suggerimenti sull'allattamento. Il rischio è minore in Italia, basti pensare che sono solo 90 le persone iscritte al network.
Giulio Moro, presidente dell’Associazione italiana banche del latte umano donato onlus, suggerisce che il motivo per il quale le donne italiane non sono coinvolte in questo giro dia acquisti sul web è dovuto alla buona rete di banche del latte che riescono a sostenere le richiese. Sono in tutto 26 le banche diffuse su tutto il territorio italiano. Un buon numero se paragonato a quello inefficiente degli stati uniti.Sono solo  11 le banche su 220 milioni di abitanti. Facile intuire perchè il fenomeno sia partito proprio da qui.



Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©