Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Mondiale di Enduro 2011. I risultati del GP della Romania


Mondiale di Enduro 2011. I risultati del GP della Romania
11/07/2011, 11:07

Primo giorno
Il Campionato Mondiale Enduro è arrivato in Romania con un GP nuovamente ricco di sorprese anche se la notizia più importante è che la gara è risultata a dir poco torrida in quanto si è corso con temperature ben oltre i 44 gradi. Il caldo ha davvero messo a dura prova la tenuta fisica della settantina di piloti al via e la resistenza delle moto.
La tappa si è disputata su tre giri di circa 75 km per un totale di circa sette ore e trenta minuti, mentre le speciali disputate sono state complessivamente otto (due linee, tre estreme e tre cross).
Da sottolineare l’assenza di Johnny Aubert in convalescenza dopo la caduta del GP di Grecia e di alcuni nostri piloti di spicco; Alex Salvini impegnato in Australia nella prova unica di quattro giorni del campionato nazionale, Alessandro Botturi, Oscar Balletti, Thomas Oldrati, Edoardo D’Ambrosio; tutti li ritroveremo comunque in gara a Casazza (BG) nella prova degli Assoluti d’Italia del prossimo week end.
E1
Passando alla cronaca, la E1 è stata nuovamente dominata dai piloti finlandesi; si è imposto l’ex crossista delle MX2, Matti Seistola (Husqvarna TE 250 4T) davanti al compagno di squadra Juha Salminen (Husqvarna TE 250 4T) ed a Eero Remes (KTM 250 4T), tutti nell’arco di soli undici secondi.
Quarta posizione per Rodrig Thain (HM-Honda 250 4T) che senza i dieci secondi di penalità presi per il mancato avvio della moto in partenza, avrebbe potuto lottare per il podio.
E2
Nella E2 prima vittoria nel mondiale enduro per il francese ex iridato di cross della MX3, Pierre Renet (Husaberg 450 4T), che si è finalmente preso la rivincita sulla sfortuna che lo aveva penalizzato negli ultimi due GP in Turchia e Grecia. Seconda posizione per lo spagnolo Cristobal Guerrero (KTM 350 4T). Antoine Meo (Husqvarna TE 350 4T), leader della classifica iridata, ha chiuso terzo risentendo di una botta alla schiena dopo essere atterrato in malo modo dopo un salto nella prima speciale estrema.
Nulla da fare per Ivan Cervantes (Gas Gas 250 2T), quarto all’arrivo staccato di una quarantina di secondi dal trio di testa, mentre il nostro Simone Albergoni (Husqvarna TE 310 4T) è finito sesto e Massimo Mangini (Beta-Boano 450 4T) tredicesimo.
E3
Nella E3 nuova perentoria affermazione del francese Christophe Nambotin (Gas Gas 300 2T) dopo la doppietta del GP di Grecia di tre settimane fa. Seconda posizione per il ritrovato Sebastien Guillaume (Husqvarna 300 2T) che è riuscito ad avere ragione per soli otto decimi di secondo sul velocissimo americano Kurt Caselli (KTM 500 4T).
Quarta posizione per Mika Ahola (HM-Honda 500 4T) rallentato da una prova in linea dove non è mai riuscito ad esprimersi ai suoi livelli. Degli italiani in questa classe buona settima posizione per Fabio Mossini (Beta 500 4T) e tredicesima per Maurizio Facchin (HM-Honda 500 4T).
EJ
Nella EJ vittoria a sorpresa del giovane ex crossista francese Mathias Bellino (Husaberg 450 4T), miglior tempo assoluto di tutte le speciali estreme. Della “pattuglia italiana” in Maglia Azzurra il migliore dei nostri è risultato Giacomo Redondi (Husqvarna TE 310 4T) ottavo, mentre Jonathan Manzi (KTM-Farioli 125 2T) è finito decimo. Quattordicesima posizione per Deny Philippaerts (Beta-boano 450 4T) e quindicesima per Rudy Moroni (KTM 250 2T).
Jonathan Manzi ha infine centrato la prima posizione nella Coppa del Mondo “Under 21” delle 125 2T.

Secondo giorno
Il sipario è calato su questo primo MAXXIS Gran Premio della Romania, per il sollievo dei 68 partecipanti che hanno sofferto il caldo in questa fase del Campionato Mondiale Enduro. 
Le  speciali non erano particolarmente difficili, ma l'aspetto tecnico aggiunto al calore, ancora una volta più di 40 gradi oggi, mette la resistenza dei piloti alla prova. Complice il tempo, gli spettatori hanno potuto godere delle specialità e del grande spettacolo messo su dai piloti, ma anche delle numerose cadute.
E1
Juha Salminen (FIN - HVA) ha tratto vantaggio degli errori di Seistola e ha vinto la giornata ancora. Il terzo, Eero Remes (FIN - KTM) ha approfittato degli errori Seistola e ha chiuso in seconda posizione. Rodrig Thain ( FRA - HM Honda) , ieri valoroso, è salito al terzo posto sul podio e ha dimostrato che è uno da tenere d'occhio in questa categoria. Julien Gauthier (FRA - TM) termina appena sotto il podio.
E2
Grande duello tra Pierre-Alexandre Renet (FRA - Husaberg) e Antoine MEO (FRA - HVA) che termina con una vittoria per il pilota Husaberg. Meo, ben piazzato per tutto il weekend, ma mai vittorioso, recupera punti preziosi su Cristobal GUERRERO (ESP - KTM) che finisce terzo. Ivan CERVANTES (ESP - Gas Gas), proprio come ieri, era in grado di ottenere un podio ma è di nuovo quarto.
E3
Nella Enduro 3, Christophe NAMBOTIN (FRA - Gas Gas) conferma la sua forma incredibile con la quarta vittoria consecutiva. E per la quarta volta di fila, Mika Ahola (FIN - HM Honda) non è in grado di fermare il suo avversario diretto. Il francese è solo 23 punti dietro il finlandese e ci sono ancora 4 giorni alla fine dell'anno. Sebastien GUILLAUME (FRA - HVA) completa il podio e guadagna in fiducia dopo una prima metà di campionato piena di infortuni. Kurt CASELLI (USA - KTM) finisce quarto, incontrando difficoltà nella prima speciale. 

Moto.it

Commenta Stampa
di Costel Antonescu - www.telenews.ro
Riproduzione riservata ©