Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

MOTO MORINI GRANPASSO 1200: AGGRESSIVA NOVITA'


MOTO MORINI GRANPASSO 1200: AGGRESSIVA NOVITA'
21/05/2008, 17:05

Moto Morini Granpasso 1200. Anche la Morini entra nel segmento delle maxi enduro stradali; una categoria sempre più affollata anche di italiane dove troviamo la Stelvio e dove anche Ducati potrebbe inserirsi.

Granpasso 1200 non è solo una nuova moto: la prima “enduro veloce” è un nuovo modo di guidare che si materializza. In pratica: tanto divertimento e piacere di guida.
Il motore Bialbero Corsacorta da 1.187 cc è stato ottimizzato per i lunghi chilometraggi: grande potenza e risposta immediata, con consumi equilibrati. Prestazioni mai provate su una enduro, un piacere di guida finora riservato alle stradali “pure”. Ma Granpasso è comunque una moto fatta per viaggiare molto, e viaggiare comodi. Ampia sella, serbatoio da 25 litri, posizione di guida rialzata, accessori completi. La doppia anima di Granpasso traspare anche da un design aggressivo e personale, con il telaio a traliccio e il motore in bella vista, il cupolino dallo sguardo “cattivo”, il forcellone con il mono ammortizzatore laterale Olhins in evidenza.

Granpasso 1200 si presenta con un look grintoso, nel quale risalta il telaio in traliccio, a sottolineare il carattere italiano e l’indole sportiva della proposta Morini. L’estetica della moto comunica immediatamente agilità e leggerezza e sembra promettere già ad un primo sguardo grande personalità e prestazioni di assoluto livello.
Parafrasando un concetto caro alla storia passata e recente di Moto Morini, possiamo sintetizzare lo stile di questa moto nella definizione di Enduro Veloce. La vista frontale con cupolino, doppio faro separato e parafango, trasmette grinta e sportività; analoghe sensazioni trasmettono altre scelte stilistiche, come quella di integrare nella carrozzeria gli indicatori di direzione. Naturalmente l’Enduro è Veloce non solo per scelte estetiche e stilistiche, ma per precisi imput tecnici, ben sintetizzabili da alcuni componenti: ammortizzatore posteriore Ohlins con serbatoio separato, pluriregolabile in lunghezza, pre-carico, estensione e compressione; pompe freno e frizione radiali; frizione con sistema antisaltellamento, la prima enduro stradale ad adottare questo dispositivo, che rende più efficace la guida su strada. Anche la leggerezza, non solo visiva, ma reale, dal momento che il peso della moto è inferiore ai 200 kg, accentua il carattere sportivo della Granpasso e ne mette in evidenza la guidabilità.

Fulcro della ciclistica è il telaio a traliccio realizzato in tubi di acciaio altoresistenziale da Verlicchi su progetto esclusivo di Moto Morini. Le quote caratteristiche
relative a passo, inclinazione di sterzo e avancorsa sono compatte, soprattutto in considerazione del fatto che si tratta di una enduro con un cuore da 1200cc.

Commenta Stampa
di Fabrizio Pirone
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.