Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Movimento per la vita, ricorso al TAR contro la commercializzazione di ELLAONE


Movimento per la vita, ricorso al TAR contro la commercializzazione di ELLAONE
20/01/2012, 09:01

Il Movimento per la vita ha presentato al Tar del Lazio un ricorso contro l’Agenzia italiana per il farmaco (Aifa) per l’annullamento della determinazione adottata dal direttore generale e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 268 del 17 novembre 2011 che autorizzava la commercializzazione della specialit medicinale ellOne (nota come laPillola dei cinque giorni dopo).

Sotto accusa soprattutto la definizione di “contraccettivo d’emergenza da assumersi entro centoventi ore (cinque giorni) da un rapporto sessuale non protetto o dal fallimento di altro metodo contraccettivo” che quindi non pu “costituire un metodo concezionale regolare”.

Secondo la ditta farmaceutica, ellOne non interromperebbe la gravidanza in quanto essa “si avvia con l’impianto”. La scienza moderna ha invece determinato che il concepimento di un nuovo individuo vivente appartenente alla specie umana e di conseguenza l'inizio della gravidanza che ne consente lo sviluppo avviene nel momento in cui il gametemaschile si unisce ad un ovocita materno. Dal momento della fecondazione ilnuovo embrione inizia un viaggio di circa 5-7 giorni che lo conduce alla mucosa dell’utero. Ma lo spostamento, cos come lo sviluppo successivo, non aggiunge nulla all'identit genetica dell'individuo.

Per questa ed altre ragioni, il Movimento per la vita chiede la sospensione e l’annullamento del provvedimento Aifa.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©