Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Napoli, i risultati del Programma di Ricerca Scientifica di Rilevanza Nazionale


Napoli, i risultati del Programma di Ricerca Scientifica di Rilevanza Nazionale
21/02/2011, 12:02

“In molte zone d’Italia le concentrazioni di nitrati nelle acque sotterranee superano sovente i 50 mg/l (valore soglia internazionale). Le situazioni più critiche si registrano soprattutto nelle grandi piane dove le contaminazioni in falda si estendono su areali di centinaia di km2 rendendo di fatto improponibile ogni intervento di disinquinamento. Il problema di tale contaminazione è assai sentito anche perché diverse sono le origini degli apporti in falda di composti azotati (agricola e zootecnica, perdite da fognature e da pozzi neri etc.)”. Lo ha affermato Giuseppe Doronzo , segretario dell’Ordine dei Geologi della Campania . E Lunedì 21 Febbraio importanti esperti di fama nazionale si confronteranno a Napoli proprio grazie alla conferenza promossa ed organizzata dall’Università Federico II di Napoli in collaborazione con l’Ordine dei Geologi della Campania sul tema “ Contaminazione da nitrati in Falda” , durante la quale verranno resi noti gli ultimi risultati del Programma di Ricerca Scientifica di Rilevanza Nazionale ( PRIN 2007 ) che ha visto insieme ricercatori di diverse sedi universitarie ( Torino, Piacenza, Firenze, Napoli e Palermo) . “Ci confronteremo sulla questione riguardante la CONTAMINAZIONE DA NITRATI IN FALDA: individuazione delle fonti, influenza sulla contaminazione dei trends climatici, possibili interventi– ha continuato Doronzo - affrontando molteplici aspetti inerenti i georischi come la protezione delle acque sotterranee dagli inquinamenti. L’iniziativa tende ad essere non solo momento di divulgazione scientifica per i liberi professionisti sul tema, con alcuni dei massimi esperti nazionali del settore, ma vuole illustrare anche le possibili ricadute professionali alla luce delle prossime misure europee in tali ambiti; si illustreranno strumenti e metodi operativi per la gestione della risorsa idrica riguardo la tutela delle acque e riguardo la protezione della stessa.Da sempre l’Ordine dei Geologi della Campania ha posto attenzione sulla risorsa Acqua anche riguardo un corretto assetto del territorio e la lotta contro la siccità tramite la divulgazione a tutti i livelli delle valutazioni delle risorse idriche sotterranee e l’attuale utilizzazione”. Dunque i geologi della Campania ancora una volta in prima linea anche in questo campo. All’evento parteciperanno Francesco Peduto, Presidente dell’Ordine dei Geologi della Campania , Piero Salatino , Preside della Facoltà di Ingegneria dell’Università Federico II di Napoli, Alfonso Corniello , dell’Università Federico II di Napoli, Daniela Ducci dell’Università Federico II di Napoli, Riccardo Frullini dell’Università di Firenze, Alex Laini dell’Università di Piacenza , Marco Trevisan dell’Università di Piacenza , Stefano Menichetti dell’Università di Firenze, Adriano Fiorucci del Politecnico di Torino, Bartolomeo Vigna del Politecnico di Torino, di Fabio Pisciotta dell’Università di Palermo.  Il nostro Ordine continuerà il programma di formazione su queste tematiche – ha concluso Doronzo - anche per perseguire l'obiettivo di far comprendere, in tutti i tavoli tecnico/politici, la centralità del Geologo nella conoscenza dei rischi geologici, l’esaltazione delle georisorse, lo sviluppo e riqualificazione del territorio in modo sostenibile e, all'opinione pubblica, l'importanza del ruolo del geologo”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©