Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Napoli smart city parte da Montesanto

Insieme per la rigenerazione

Napoli smart city parte da Montesanto
19/06/2013, 14:51

NAPOLI – Sabato 22 giugno parte a Montesanto la sfida di QI Quartiere Intelligente, progetto pilota di rigenerazione e ri-utilizzo di spazi urbani secondo i principi delle smart cities.

Sul primo tratto della scala monumentale di Montesanto, un piccolo cancello di ferro dà accesso a quello che oggi si profila come un cantiere di idee e progetti che a breve sarà un articolato contenitore di produzione di capitale cognitivo e non solo un luogo di consumo.

Un giardino, un vecchio opificio ed una palazzina risalente alla metà dell'’Ottocento, insieme con le scale, costituiscono gli spazi del Quartiere Intelligente.

Il progetto nasce tempo fa dall'idea di investire su un'area tanto affascinante quanto negletta della città con la collaborazione di intellettuali e urbanisti napoletani.

Quartiere Intelligente vuol essere un luogo di sperimentazione e un modello di sviluppo urbano sostenibile: ha come obiettivo la qualità ecologica, intesa non solo come riciclo dei rifiuti, efficienza energetica, utilizzo di fonti rinnovabili e di materiali bio-sostenibili; ma anche sperimentazione di buone pratiche, capaci di influire e modificare in positivo comportamenti e modalità di vivere il quartiere e la città.

Da sabato 22 giugno sarà aperta una prima parte del Quartiere Intelligente, ovvero il giardino con orto urbano e didattico e una parte dell'edificio dove saranno esposte le tavole del progetto che sarà tema portante di un convegno internazionale il prossimo settembre.

Vista l'ubicazione del QI lo spazio diventa laboratorio permanente della rigenerazione e valorizzazione delle oltre 200 scale napoletane, motivo per cui il progetto aderisce al coordinamento recupero scale di Napoli.

<QI Quartiere Intelligente nasce per diventare un officina comune, una piattaforma urbana di cooperazione e di produzione di cultura e di infrastrutture tecnologiche e immateriali>, spiega Cristina Di Stasio, presidente dell'Associazione QI e ideatrice del progetto; <sarà un luogo dove si svolge e si promuove attività di ricerca, di creazione ed esposizione nei settori dell'architettura ecosostenibile, dell'urbanistica a zero impatto ambientale, dell'energia pulita, del combustibile ecologico e delle arti decorative e visive, del design, dell'artigianato, della produzione industriale, della moda, della comunicazione audiovisiva che creano prodotti  di cui già si conosce il riutilizzo>.

L'apertura di Q.I. è in via del tutto sperimentale e si configura come opera in progress: sabato 22 a domenica 23 giugno con una serie di iniziative lo spazio sarà aperto e fruibile al pubblico.

Le attività in programma prevedono un mercatino dedicato al ri-uso e al biologico allestito sulle scale (sabato dalle 9 alle 17), l’installazione di arte visiva Untitled - Studio per un  ritratto di Giovanni Giarretta a cura di Adriana Rispoli (sabato dalle 20.30) ed ancora lo spettacolo itinerante dalla Pedamentina alla Scala di Montesanto "Come l'acqua che scorre" a cura de Lo Sguardo che Trasforma (domenica alle 11.30 e alle 18.30) con aperitivo sostenibile al tramonto nel giardino.

Inoltre già da venerdì 21 e poi nei giorni di sabato e domenica nel giardino di Q.I. si terrà la performance Migrazioni di Michele Iodice che coinvolge il pubblico nella costruzione di un gigantesco nido con materiali di risulta delle potature delle aree circostanti (prenotazione obbligatoria scrivendo a quartiereintelligente@gmail.com).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©