Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Il comitato Gelatieri Campani parteciperà all’evento di ADI

Napoli, XIX congresso ADI, il gelato artigianale entra in corsia


Napoli, XIX congresso ADI, il gelato artigianale entra in corsia
09/11/2010, 12:11

Comitato Gelatieri Campani e Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica (ADI), si schierano in prima linea per garantire ai pazienti una dieta equilibrata ed introdurre in corsia l’arte della gelateria. Per la prima volta, dunque, gelatieri artigiani e pasticcieri entreranno ufficialmente in contatto con i medici nutrizionisti, mettendo a disposizione la propria esperienza nell’ambito del XIX Congresso nazionale ADI, in programma domani a Napoli presso Palazzo Reale. In occasione del convegno, dedicato al tema “Energia e Salute”, il Comitato Gelatieri Campani offrirà una speciale degustazione di gelati artigianali. “La collaborazione tra medici nutrizionisti, pasticcieri e gelatieri – spiega Martino Liuzzi, esperto di alimenti e nutrizioni – è fondamentale per l’ingresso in corsia dell’arte della pasticceria artigianale, grazie soprattutto all’esperienza di professionisti che seguono corsi di aggiornamento e danno un contributo agli studi alimentari, supportando nutrizionisti e pazienti. I dolci sono una risorsa importante nella dieta se attentamente misurati per calorie e materie prime con una corretta diaria”. Liuzzi, specializzato nella ricerca scientifica sulle materie prime da utilizzare in pasticceria e gelateria, in passato ha partecipato a diverse trasmissioni televisive tra cui “Cominciamo bene”, “Linea Verde” e “Uno Mattina”. “Il gelato artigianale può essere considerato come completamento di colazione, merenda e cena. E’ particolarmente indicato per i bambini che praticano sport: i gusti crema sono preferibili dopo l’attività sportiva perché rallentano l’assorbimento di acqua nell’organismo; i gusti frutta rappresentano un’energia digeribile per l’alta percentuale di zucchero ed agiscono sui muscoli. Stesso discorso – conclude il ricercatore – per quanto riguarda l’alimentazione degli anziani: gusti nocciola e pistacchio particolarmente indicati per assorbimento lento e maggiore digeribilità; latte di capra per la tonicità muscolare”. Tra i presenti, Eugenio Del Toma, Presidente onorario ADI, Giuseppe Fatati, Presidente nazionale Adi, Ferdinando Buonocore, Presidente G.A. (Comitato Nazionale per la Difesa e la Diffusione del Gelato Artigianale e di Produzione Propria), Fausto Bortolot, Vicepresidente Artglace (Confederazione delle Associazioni dei Gelatieri Artigiani della Comunità Europea), Ciro Verde, Vicepresidente Comitato Gelatieri Campani e Segretario G.A. L’Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica ha lo scopo di promuovere e sostenere tutte le iniziative scientifiche, culturali e didattiche che possono interessare, sotto ogni aspetto, la Scienza della Alimentazione. L’ADI, fondata nel 1950 dal Prof. Emidio Serianni, ha vissuto e condiviso il percorso dalla dietetica alla nutrizione clinica. Negli ultimi quattro anni, l’Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica ha rinnovato una sinergia mediterranea, intesa come centro più importante nello sviluppo della civiltà umana. L’acqua del Mediterraneo è stata punto di unione e di confronto tra popoli, così come l’alimentazione mediterranea continua ad essere punto di contatto e conoscenza reciproca.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©