Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Nelle farmacie napoletane arriva la “CARD DELLA SALUTE”


.

Nelle farmacie napoletane arriva la “CARD DELLA SALUTE”
21/01/2012, 11:01

Dal 1 febbraio sarà possibile prenotare prestazioni infermieristiche ed assistenziali attraverso la rete delle farmacie napoletane; è il risultato dell’accordo raggiunto tra Federfarma Napoli e la Fisiomedical Consulting, società cooperativa sociale che da anni opera nell’ambito dell’assistenza infermieristica e domiciliare.
Tutti i cittadini napoletani potranno acquisire in farmacia la CARD DELLA SALUTE, attraverso la quale avranno la possibilità di acquistare - a prezzi “socialmente sostenibili” - prestazioni di assistenza infermieristica a domicilio (come iniezioni intramuscolo o endovena, flebo, medicazioni), oppure socio assistenziali quali assunzione e/o somministrazione pasti, assistenza domiciliare diurna e notturna, sostegno nella deambulazione. Le prestazioni richieste potranno essere “caricate” sulla Card direttamente in farmacia, via telefono, o attraverso il web; per i cittadini sarà possibile acquistare prestazioni singole oppure utilizzare la Card della Salute nell’opzione “prepagata”. Il servizio sarà attivo in tutte le farmacie di Napoli e provincia che aderiranno all’iniziativa, individuabili attraverso l’apposizione sulla vetrina del logo CARD DELLA SALUTE.
La Card della Salute consentirà di avere prestazioni effettuate da personale qualificato e specializzato, in tempi rapidissimi (entro 48 ore) e con una tracciabilità fiscale che consente al cittadino di poter documentare le proprie spese mediche ed al comparto di mettere in moto un circuito virtuoso e trasparente, evitando in questo modo prestazioni non certificate e non garantite professionalmente. La Card della Salute, dunque, diventa uno strumento essenziale in questa fase economica dove assistiamo ad un continuo taglio della spesa pubblica, ma con bisogni assistenziali che permangono, gravando sul bilancio familiare. Un’iniziativa, quella della Card della salute, che, partendo da Napoli, si propone come modello per tutte le altre città italiane.

Commenta Stampa
di Marina Ciaravolo
Riproduzione riservata ©

Correlati