Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Tempo e spazio connesse dalla velocità della luce

Niente Big Bang, nuova teoria dell'Universo


Niente Big Bang, nuova teoria dell'Universo
03/08/2010, 11:08

Una nuova teoria scientifica rischia di rovesciare completamente l'idea del Big Bang, cioè la teoria sulla creazione dell'universo nato da una colossale esplosione. Ad avanzare la nuova teoria è il cosmologo Wun-Yi Shu della National Tsing Hua University di Taiwan. Secondo questo studioso, l'universo è eterno, non ha avuto un inizio e non avrà una fine. In particolare la velocità della luce e la costante gravitazionale - che nell'universo come lo consideriamo oggi sono valori fissi (per esempio la velocità della luce è circa 300 mila kilometri al secondo) - nell'universo di Shu sono valori che variano a seconda del tempo. Infatti l'universo sarebbe rinchiuso in una sfera che ha più di tre dimensioni, una cosa che si può immaginare ma non vedere e che è dimostrabile solo matematicamente. Inoltre, sempre in questa visione dell'universo, la velocità della luce diventa semplicemente il mezzo con cui il tempo si trasforma in spazio e viceversa; alla stessa maniera la costante gravitazionale diventa il mezzo con cui la massa si trasforma in lunghezza. Quindi, quando l'universo si espande, il tempo diventa spazio e la massa diventa lunghezza; quando si contrae avviene il contrario.
Questa teoria ha il pregio di eliminare uno dei più grossi problemi della scienza ufficiale: la cosiddetta materia oscura ed energia oscura, che dovrebbero occupare rispettivamente circa il 23% e il 73% dell'universo, ma che non sono mai stati trovati. Ma presta il fianco a molte critiche. Innanzitutto il fatto che la velocità della luce è costante; poi il fatto che le proporzioni di idrogeno, elio ed altri elementi rispettano la teoria del Big Bang. E via discorrendo.
Naturalmente qualsiasi nuova teoria si scontra con le vecchie; solo il tempo dirà chi ha ragione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©