Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Lo rivela una ricerca britannica

Niente sbornia delle feste grazie a latte e miele


Niente sbornia delle feste grazie a latte e miele
27/12/2010, 18:12

LONDRA – Un bicchiere di troppo durante le feste ed ecco pronta la sbornia. Per chi si trova in tale situazione, un rimedio può arrivare dal miele, magari abbinato al latte. E' quanto consiglia una ricerca della Royal Society of Chemistry di Londra diretta dal dottor John Emsley e pubblicata dal quotidiano "Telegraph". Gli studiosi spiegano come alla base di tutto vi siano reazioni e contro-reazioni chimiche. Quando si assume alcol, il corpo umano trasforma la sostanza in acetaldeide, prodotto chimico tossico che, in determinate quantità, dà il via all’ ubriacatura ed ai suoi sintomi: mal di testa pulsante, nausea e a volte vomito. Il miele (poiché contiene fruttosio) è in grado di trasformare l'acetaldeide in acido acetivo che viene smaltito dal metabolismo e trasformato in anidride carbonica. Poi c'è il latte: come ricorda il dottor Emsley, è bene berne un bicchiere prima di stappare vino e spumante. Infatti, "Il latte rallenta l'assorbimento dell'alcol, il che significa che c'è meno acetaldeide da affrontare per il corpo tutto in una volta". Infine, tutti coloro che amano il vino dovrebbero bere un bicchiere d'acqua prima di coricarsi. L'alcol è infatti causa di disidratazione, in grado di peggiorare la salute e rovinare la nottata.
In appendice, gli studiosi prendono in esame la pratica detta "Hair of the Dog", il voler cioè eliminare i postumi di una sbornia bevendo uno o due bicchieri della bevanda originale. Il nome del metodo fa riferimento all'antica pratica di curare il morso dei cani (o di altri animali) mettendo sulla ferita pelo dell'attaccante. Secondo la squadra della Royal Society of Chemistry, tale procedura può essere utile agli individui colpiti da crisi d'astinenza, ma non alle vittime della sbornia occasionale dovuta alla feste.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©