Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Secondo Legambiente: "Il lupo perde il pelo ma non il vizio"

Nota sull'apertura della seconda discarica terzigno


Nota sull'apertura della seconda discarica terzigno
22/09/2010, 14:09

Napoli, 22 settembre 2010 - “Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Quella discarica non s’ha da fare , sarebbe l’ennesimo atto inqualificabile, che mortifica un territorio, una comunità, i cittadini e che sta affossando l’attività produttiva dell’area Parco. Per chi non vuol vedere e capire ribadiamo che in quell’area si sta offendendo e calpestando decenni di battaglie di cittadini, la memoria di persone come Mimmo Beneventano che hanno perso la vita per l’istituzione del Parco Nazionale del Vesuvio. In una nota Michele Buonomo e Pasquale Raia, rispettivamente presidente e responsabile aree protette Legambiente Campania ribadiscono la netta contrarietà alla realizzazione della seconda discarica in "Cava Vitiello" nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio.”
Dopo la riapertura della SARI - proseguono i due rappresentanti di Legambiente - e l’ipotesi di riapertura della seconda discarica ricordiamo a chi ci governa che mancano ancora all’appello Fungaia Monte Somma e la discarica Ammendola Formisano per completare il quadro e ritornare agli inizi degli anni ’90 quando l’ecomafia regnava ed il Parco era la pattumiera d’Italia. Importante- concludono Buonomo e Raia di Legambiente- isolare i violenti che non hanno nulla a che vedere con la gran parte della popolazione che da mesi sta protestando civilmente contro l’apertura della discarica a difesa del territorio, della salute e del Parco.”

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©