Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Ecco la foto che prova la "rattusaggine" dei grandi del G8

Obama e Sarkozy: due presidenti guardoni e nessuno dice niente


Obama e Sarkozy: due presidenti guardoni e nessuno dice niente
10/07/2009, 21:07

Obama e Sarkozy come Berlusconi, ma nessuno dice niente. E' proprio vero che il Cavaliere è attaccato in questi giorni per la storia delle escort di alto bordo e dei festini, ma non si capisce come mai passi inosservata questa caduta di stile dei due presidenti, staunitense e francesce, giunti nel capoluogo abruzzese con le rispettive mogli. Una cosa è certa, qualsiasi femminista di sinistra dirà che gli uomini sono tutti uguali, ma sicuramente non condannerà questo atto vile ed arrogante che mortifica dinanzi al mondo della fame e dell'inquinamento il genere femminile. Berlusconi ha dato prova di serietà, fin troppa se prendiamo in considerazione i suoi colleghi. Ma in questi giorni si è capito perchè la stampa estera, quella di Murdoch per intenderci, e l'Espresso con i suoi amici hanno attaccato Berlusconi rasentando il ridicolo: Murdoch disse che non avrebbe fatto passare a Berlusconi l'aumento dell'IVA sui prodotti della sua Sky mentre Ugo de Benedetti si trova ad affrontare una grossa crisi che, proprio grazie agli scoops inciucioni su noemi, escort e feste private del Cavaliere sta cercando di punire il suo concorrente ed anche di venderci su qualche copia per far quadrare i bilanci della sua azienda in difficoltà. Pare che a Repubblica siano 90 i giornalisti che rischiano il licenziamento od il prepensionamento e questo urlo di disperazione del gruppo editoriale da sempre ostico nei confronti di Berlusconi, dovrebbe bastare a richiamare l'attenzione del Governo del Cavaliere per qualche sovvenzionamento extra a spese degli italiani. Ovviamente la spiegazione di cotanto silenzio sta nel fatto che è troppo evidente la caduta di stile e che non si debba entrare troppo nella sfera privata dei personaggi invischiati, sguinzagliando mezza magistratura e lasciando vivere sopra un albero per anni un fotografo incaricato di paparazzare nella vita privata del Premier di turno. A tutto c'è sempre un perchè, basta solo attendere che il cerchio si stringa.

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©