Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Un italiano su 10 in sovrappeso. Tra le cause, lo stress

Obesità: colpisce più gli uomini che le donne


Obesità: colpisce più gli uomini che le donne
05/10/2010, 15:10

ROMA – Gli italiani confermano ciò che si dice su di loro nel Mondo: amano la buona tavola. La conseguenza diretta, naturalmente, è l’obesità. A soffrirne sono soprattutto gli uomini, che hanno di gran lunga battuto le donne nella lotta al sovrappeso: uno su 10 è obeso, uno su 3 ha qualche chilo in più. A confermarlo, i dati forniti dal Rapporto dell'Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica (Adi) che è stata presentata oggi a Roma durante l’Obesity Day" 2010 . Il risultato è che circa 4 milioni e 700 mila connazionali sono over-size: di questi, nella fascia d’età compresa tra i 35 ed i 74 anni, il 25% è rappresentato dal sesso forte, contro il 24% delle donne. La causa è estetica, più che medica: le signore tengono maggiormente al loro corpo, si mettono con più facilità a dieta e non esitano alle rinunce a tavola se questo vuol dire apparire più giovani. Per gli uomini il discorso cambia: lo stile di vita e lavorativo è più sedentario, con pesanti ripercussioni sulla “pancetta”.
Quanto ai più piccoli, la regione con i dati più allarmanti è la Campania: il 18% dei bambini è sovrappeso, il 21% obeso. Colpa, neanche a dirlo, della “madre chioccia” che rimpinza il piccolo di cibo e che dichiara di non rendersi conto del problema del figlio. Cosa fare, dunque, per ritornare tonici e in salute? Prima di tutto, dicono gli esperti, controllare lo stress: è stato infatti dimostrato che l’ansia cronica produce una iperattivazione del sistema simpatico, connesso con i centri neurologici della fame. Più siamo stanchi e affaticati, quindi, più mangiamo, più ingrassiamo. In secondo luogo, ma solo nei casi estremi, si può ricorrere alla chirurgia. La lista di attesa, ad oggi, si attesta al milione e mezzo di persone.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©