Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

L'indagine è stata effettuata in 11 Paesi

Ocse, rischio di morte prematura per chi è in sovrappeso


Ocse, rischio di morte prematura per chi è in sovrappeso
01/11/2010, 16:11

Più si ingrassa, maggiori sono i rischi di una morte prematura. Crescono infatti del 30% le probabilità di morire se una persona di statura media aumenta di 15 Kg rispetto al proprio peso forma.
Si tratta dei risultati emersi da un rapporto dell'Ocse dal titolo "Obesity and the economics of prevention: fit not fat"(Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico"). L'indagine effettuata in 11 Paesi rivela che gli obesi vivono meno di chi invece segue una dieta equilibrata. Chi infatti adotta uno stile di vita sano, mangia molta frutta e verdura e non fuma, il rischio di morte prematura diminuisce. Le migliori condizioni di reddito e di istruzione sono causa della crescita nel mondo dell'altezza e del peso degli individui.
Negli ultimi trenta anni è aumentato quindi il tasso di obesità del 10% ed è addirittura raddoppiato in alcuni Paesi. Secondo l'Ocse le donne tendono ad ingrassare più degli uomini e la tendenza all'obesità dipende in particolare dal livello d'istruzione: il rischio di sovrappeso aumenta quando la formazione scolastica è scarsa.
Anche la famiglia è determinante, i bambini che hanno un genitore obeso, per una questione genetica o per l'esempio negativo tendono all'obesità.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©