Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

ONCOLOGIA: IL 10% DEI MALATI VIVE SOLO IN CASA. TERAPIA DEL DOLORE: 80 PERSONE SU 100 NE IGNORANO L'ESISTENZA


ONCOLOGIA: IL 10% DEI MALATI VIVE SOLO IN CASA. TERAPIA DEL DOLORE: 80 PERSONE SU 100 NE IGNORANO L'ESISTENZA
17/06/2008, 12:06

Uno studio dell'Associazione House Hospital Onlus rivela la difficile situazione dei malati oncologici, che nel 10% dei casi vive da solo. Il 10% dei pazienti affetti da cancro hanno affrontato in solitudine gli ultimi 3 mesi di vita. Poco più del 35% vive con un unico familiare, di solito il coniuge anziano e nel 15% dei casi la presenza della patologia terminale ha indotto il familiare a trasferire il proprio domicilio a casa del parente malato per non lasciarlo solo. La fase terminale mette in crisi le relazioni sociali ed economiche del malato e dei suoi cari. I risultati evidenziano che il 40% dei familiari ha dovuto fare un grosso cambiamento nella propria vita, per poter seguire il congiunto negli ultimi tre mesi di vita. Nella maggior parte dei casi, il 75%, il cambiamento ha significato interrompere o modificare in modo sostanziale il proprio lavoro.La stima è che in Campania 1000 persone che lavorano debbano smettere di farlo o ridurrela propria attività per far fronte all'assistenza di un loro congiunto. La maggior parte dei malati, tra l'altro, muore in ospedali o cliniche di cura. Ancora poco conosciuta, in Campania, la terapia del dolore. 80 persone su 100 ne ignorano l'esistenza così come ignorano l'uso specifico ditali terapie. Le persone comunemente pensano che le terapie del dolore siano indirizzate ai malati cronici ed a quelli terminali.
Questi, in sintesi, i dati diffusi dall'Help Call Center dell'Associazione House Hospital Onlus.
Dati diffusi in prossimità dell'estate perchè nelle settimane che vanno dal 20 luglio al 25 agosto, con la riduzione dei posti letto negli ospedali ed i familiari in vacanza, esplode maggiormente il problema dei malati oncologici che, al contrario, meriterebbero rispetto, cure socio-sanitariee l'affetto di tutti.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©