Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

L'allerta del Ministero della Salute

Ondata di caldo prevista per la prossima settimana

Attenzione rivolta ai bambini ed anziani

Ondata di caldo prevista per la prossima settimana
24/06/2011, 11:06

ROMA - Arriva l’estate e con essa le alte temperature. Nei prossimi giorni, dicono gli esperti, è prevista un’ondata di caldo afoso, con temperatura molto alte. Con gli uffici ancora in attività, sarà difficile concedersi un bel bagno rigenerante al mare e restare in città sarà particolarmente difficile, il caldo percepito, grazie al tasso di umidità, sarà quasi il doppio.. L’ attenzione, in questi casi, è rivolta verso la salute di bambini ed anziani, essendo loro i più deboli. A rischio salute, però, ci sono anche le persone non autosufficienti, i poveri e coloro che vivono in stato di solitudine. Non tutta Italia, però, sarà esposta a rischi altissimi, il livello d’attenzione varia sul territorio e nelle diverse aree geografiche, quindi non è mai omogeneo.
Il Ministero della Salute, in collaborazione con il Centro nazionale per la prevenzione ed il controllo delle malattie (CCM), anche quest’anno ha promosso una serie di iniziative in collaborazione con la Protezione Civile Nazionale, la Regione e gli Enti Locali, per prevenire malesseri dovuti a colpi di calore dovuti alle alte temperature. Viene, così, predisposto il Sistema di Allerta nazionale meteo-climatico con il coordinamento del Centro di Competenza nazionale del Dipartimento della Protezione Civile. Questo sistema sarebbe in grado di prevedere l’arrivo di condizioni meteo a rischio per la salute dei cittadini. La popolazione sarà avvertita fino a 72 ore d’anticipo, in modo tale da consentire l’attivazione di interventi di prevenzione.
Intanto Il Ministero della Salature rivela piccoli, ma preziosi consigli per affrontare il caldo.
Non di uscire di casa nelle ore più calde (tra le 11,00 alle 18,00)
Bere almeno due litri d’acqua al giorno (anche quando non se ne avverte il bisogno), salvo diversa prescrizione del medico curante
Consumare pasti leggeri e frazionati durante l’arco della giornata e, in particolare, mangiare quotidianamente frutta e verdura fresche; fare attenzione alla corretta conservazione degli alimenti deperibili
Evitare di bere alcolici e limitare l’uso di bevande contenenti caffeina
Limitare l’attività fisica intensa soprattutto nelle ore più calde
Indossare indumenti leggeri, non aderenti, di fibre naturali, di colore chiaro; proteggere la testa dal sole diretto con un cappello e gli occhi con occhiali da sole
Durante le ore del giorno schermare le finestre esposte al sole diretto mediante tende o oscuranti esterni regolabili come, ad esempio, persiane o veneziane
Mantenere chiuse le finestre durante il giorno e aprirle di sera, quando l’aria esterna è più fresca
Se necessario, abbassare la temperatura corporea con bagni e docce evitando, però di utilizzare acqua troppo fredda e di bagnarsi subito dopo il rientro da ambienti molto caldi, perché è potenzialmente pericoloso per la salute
Se necessario, rinfrescare gli ambienti in cui si soggiorna con ventilatori o condizionatori. Prestare particolare attenzione alla corretta conservazione domestica dei farmaci: leggere attentamente le modalità di conservazione riportate sulle confezioni; conservarli lontano da fonti di calore e da irradiazione solare diretta; durante la stagione estiva riporre in frigo i farmaci che prevedono una temperatura di conservazione non superiore ai 25 - 30° C.; ricordare che luce, aria, umidità e sbalzi di temperatura possono deteriorare il prodotto prima del previsto. In caso di dubbio, consultare sempre il proprio farmacista.

Commenta Stampa
di Carmen Cadalt
Riproduzione riservata ©