Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Lui pare abbia fatto un regalo alla piccola Maelle

Pace fatta tra Clerici e Crespi


Pace fatta tra Clerici e Crespi
24/02/2013, 09:24

Pace fatta tra la bionda conduttrice Antonella Clerici e l’attore Lorenzo Crespi, almeno a giudicare dal messaggio postato su twitter dalla signora di Rai 1,  nel quale ringrazia, insieme alla piccola Maelle, proprio l’attore siciliano.
Pare infatti che Crespi abbia fatto recapitare un regalo alla piccola Maelle, la figlia che la Clerici ha avuto con il giovane Eddy, visto che poi, in risposta al messaggio della conduttrice, chiede se la piccola si sia svegliata aprendo regali.
Sembra proprio, dunque, che i due ex amanti abbiano deciso di seppellire l’ascia di guerra. Perché negli ultimi tempi i rapporti tra la  Clerici e Crespi sembravano essersi fatti un po’ troppo tesi a causa della fine della loro liaison. In particolar modo, l’attore siciliano era rimasto male per l’atteggiamento tenuto della Clerici che non lo aveva difeso pubblicamente dopo che in molti lo avevano additato come sfascia famiglie. Lorenzo Crespi insomma avrebbe apprezzato l’intervento della Antonellina Nazionale in sua difesa. Intervento che invece non è arrivato e che ha scatenato la dura reazione dell’attore che si è sentito messo spalle al muro.
La storia tra i due poi è finita e sia Lorenzo Crespi che Antonella Clerici hanno detto la loro in merito. Crespi, infatti, ha più volte dichiarato che il flirt con la bionda conduttrice andava avanti da novembre e che è sempre stata lei a raggiungerlo con l’aereo in Sicilia mentre lei ha sempre precisato che la storia con Eddy Martens era finita la scorsa estate e che quella con Lorenzo Crespi era iniziato solo successivamente. In una intervista rilasciata a Diva e donna recentemente, Antonella Clerici ha però sottolineato che nessuna passione, nemmeno quella per Lorenzo Crespi, può distrarla dalla sua piccola Maelle. Che ci sia anche un ritorno di fiamma? Staremo a vedere… 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©