Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Parchinmostra 2009: weekend tra natura, novità e tradizioni


Parchinmostra 2009: weekend tra natura, novità e tradizioni
25/09/2009, 11:09


Un percorso attraverso le bellezze e le caratteristiche dei parchi, dalle valenze floro-faunistiche alle peculiarità che contraddistinguono i territori protetti della Regione. Parchinmostra riporta all’attenzione del pubblico, per la settima edizione, le risorse segrete, i paesaggi incontaminati, le forme di vita tipiche di ogni riserva naturale. Una vetrina importante ed interessante per promuovere il territorio e le sue numerose eccellenze paesaggistiche, naturalistiche, enogastronomiche e storico-culturali. Novità, tradizioni, cultura ma soprattutto natura. Questi i tratti distintivi della nuova edizione di “Parchinmostra”, la manifestazione organizzata dall’Assessorato all’Urbanistica della Regione Campania, che sarà aperta al pubblico, con ingresso gratuito, da domani fino a domenica. Un momento di aggregazione sociale e culturale per scoprire il ricco patrimonio di riserve naturali con una manifestazione che nel corso degli anni ha riscosso consensi e successi promuovendo la conoscenza e la valorizzazione dei meravigliosi 14 parchi, presenti su tutto il territorio campano e che rappresentano un dei complessi turistici e culturali e ambientali tra i più attrattivi del panorama italiano. Come sempre la due giorni, dedicata alla riscoperta dei “polmoni verdi” regionali, sarà un fitto calendari di appuntamenti, dalla musica popolare, agli spettacoli, percorsi di degustazione enogastronomica, esposizioni artistiche e fotografiche, spazi dedicati ai bambini, convegni e workshop. “Una delle novità di quest’anno, spiega l’assessore regionale Gabriella Cundari, saranno i punti di attenzione dedicati alle antiche arti. L’abilità di preziosi artigiani presenterà al pubblico della fiera le tecniche tradizionali di ricamo, lavorazione dei pastori, delle pentole in rame, la smielatura, come si prepara un formaggio tipico, come si coltivano i pomodori. Un modo simpatico ed istruttivo, ha continuato l’assessore, per far conoscere i prodotti tipici dei nostri parchi, gli stessi che finiscono sulle nostre tavole, grazie anche all’aiuto dell’assessorato regionale all’Agricoltura, che ha dato un contributo di partecipazione attiva per la realizzazione di questa settima edizione”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©