Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

La figlia del re del Pop si è tagliata le vene

Paris Jackson disperata per la morte del padre. Tenta il suicidio


Paris Jackson disperata per la morte del padre. Tenta il suicidio
06/06/2013, 21:33

Paris Jackson, la figlia 15enne del re del pop Michael Jackson soffre ancora molto per la perdita del papà tanto che ha tentato il suicidio, assumendo una dose massiccia di antidolorifici per poi tagliarsi le vene con un coltello da cucina nella sua casa di Los Angeles. La ragazzina ora è ricoverato in un ospedale della California del sud. Poco dopo aver tentato il suicidio, la 15enne ha chiesto aiuto contattando una linea amica per chi cerca di togliersi la vita. La figlia di Michael Jackson è stata trasportata in ospedale verso l’una e mezza del mattino e ora – come riporta  l'avvocato di sua nonna Katherine, Sandra Ribera - sta "fisicamente bene". Poco prima di compiere questo gesto estremo la ragazza aveva scritto sul suo profilo Twitter: "Ieri i miei problemi mi sembravano lontani, ma oggi sono di nuovo qui", parafrasando "Yesterday", la famosa canzone dei Beatles.
Secondo quanto riferito da una fonte vicina all'Us Weekly Paris avrebbe lasciato un biglietto d'addio mentre un'altra persona vicina alla famiglia Jackson ha dichiarato che la ragazza soffriva da tempo di depressione: "Le manca molto il padre. Lei era il centro del mondo di Michael e ora è tutto diverso. Paris dice che si sente sola e che non si sente amata". Un'altra fonte ha raccontato che la ragazza è infelice e che "vive in un luogo dove c'è la security, gli zii e tutti questi parassiti intorno. E' sola. Questo è uno dei motivi per cui si è riavvicinata alla madre Debbie Rowe, vuole una famiglia perché ha perso il suo papà". "Essere un'adolescente sensibile non è mai facile, chiunque tu sia, soprattutto se perdi la persona più importante della tua vita", ha dichiarato, invece, il legale della famiglia Jackson attraverso un comunicato stampa.

 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©