Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Passat, i consumi sono da Guinness dei primati


Passat, i consumi sono da Guinness dei primati
31/10/2010, 17:10

Prima di cedere il testimone all’ultima nata (che arriverà in Italia a gennaio), la Passat sesta generazione ha lasciato un segno indelebile dell’efficienza che caratterizza questo modello di successo della gamma Volkswagen. Un segno importante che non rimane confinato soltanto nel mondo dell’auto perché, riuscendo a percorrere ben 2.464 chilometri con un pieno di gasolio, la Passat BlueMotion protagonista dell’impresa è entrata di diritto nel celebre Guinness World Records, noto anche come il libro dei primati.

La distanza – poco più del tragitto Roma-Siviglia – è stata coperta a bordo di una vettura strettamente di serie, quindi equipaggiata con l’efficiente motore TDI 1.6 common rail 105 CV e con le soluzioni che caratterizzano tutte le versioni della famiglia BlueMotion: un’aerodinamica particolarmente curata, compreso l’assetto abbassato, i sistemi start/stop e di recupero dell’energia in frenata, i rapporti del cambio ottimizzati per il contenimento dei consumi e gli pneumatici a bassa resistenza al rotolamento che favoriscono la scorrevolezza.

I rappresentati dell’organizzazione del Guinness World Records che hanno seguito la prova, hanno certificato che sono stati usati 77,25 litri di carburante, il che significa una percorrenza media di 31,8 km/litro.

Un risultato eccezionale ottenuto con una vettura assolutamente convenzionale, quindi non un prototipo creato per andare a caccia di record. Oltretutto questa performance della Passat, lanciata nel 2005, crea ancora più aspettative per le eredi della settima generazione appena presentate, che preannunciano ulteriori riduzioni nei consumi e nelle emissioni che possono arrivare in certi casi fino al 18%. Altri record in arrivo?

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.
Volkswagen Passat e Passat Variant
Passat
Passat
Passat
Passat Variant
Passat Variant
Gli interni
Gli interni