Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Usa e Brasile le maggiori produttrici dopo di noi

Pasta, nuovo alleato contro le malattie cardiovascolari


Pasta, nuovo alleato contro le malattie cardiovascolari
26/04/2010, 15:04

ROMA – Buone notizie per gli amanti della pasta. Questo tipico prodotto della cucina Mediterranea apporta notevoli benefici nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e del diabete di tipo 2. A spiegarlo sono stati i ricercatori del progetto “Healthgrain”, finanziato dall’ Unione Europea. Gli esperti hanno sottolineato che la migliore qualità è quella integrale, grazie all’ alto contenuto di vitamine e fibre, ma anche quella tradizionale può servire all’organismo.
Contrariamente a quanto si crede, questo alimento non è nato nel nostro paese. Già nell’antica Grecia con il termine “pasia” si indicava una farina con salsa ottenuta dopo un lungo impasto. Con lo sviluppo delle tecnologie, la pasta è diventata mondiale. Sicuramente l’Italia conferma la propria leadership, ma esiste un’economia globale che gira intorno ad essa: basti pensare che la domanda estera sul prodotto made in Italy ha raggiunto il 50%. Spiega il dottor Amato, del dipartimento cardio-toraco-vascolare del Policlinico Universitario Sant'Orsola-Malpighi: "Se la dieta mediterranea in senso lato e' riconosciuta essere un metodo di prevenzione delle patologie cardiovascolari nella popolazione più' vasta ed in particolare nei soggetti a rischio vascolare già' noto, la predilezione della pasta nella dieta quotidiana determina una riduzione sia della presenza che dello sviluppo delle lesioni vascolari maggiori documentabili con diagnostica ad ultrasuoni". Inoltre, lo studioso fa notare che il frumento integrale, dotato di una crusca ricca di fibre non si limiti ad opporsi a diabete di tipo 2 e cardiopatie, ma sia utile anche contro l'arteriosclerosi.
Oggi, dopo di noi al secondo posto tra i produttori di pasta ci sono gli Usa, seguiti da Brasile e Russia.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©