Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Nonostante la smentita sempre più insistenti voci di crisi

Pausa di riflessione per Cyrus e Hermsworth


Pausa di riflessione per Cyrus e Hermsworth
10/03/2013, 17:07

Nonostante la smentita da parte della diretta interessata, le voci di una crisi di coppia tra Miley Cyrus ed il suo fidanzato, l’attore australiano Liam Hermsworth, si fanno sempre più insistenti, tanto che i due starebbero in pausa di riflessione. A rivelare la notizia è stato il settimanale statunitense People, grazie alla soffiata di una fonte anonima, molto vicina alla coppia. Pare, infatti, che Miley sia talmente arrabbiata con Liam da volersi prendere una pausa di riflessione e tenerlo sulle spine per un po’.
La fonte anonima precisa però che la storia tra l’ex ragazzina acqua e sapone della disney e il bell’attore australiano non è assolutamente finita ma la Cyrus sta cercando in tutti i modi di far capire a Liam che è ancora molto arrabbiata, tanto da togliersi addirittura l’anello di fidanzamento. Hermsworth, intanto, avrebbe preso un volo per l’Australia qualche giorno fa stare lontano da Miley e ritrovare la sua famiglia.
A nulla, dunque, sono valsi i tentativi della ragazza Disney di smentire le voci di rottura, tramite Twitter: “Sono così stanca di queste bugie attorno al mio matrimonio. Ho deciso di prendermi una lunga pausa drenante dai social network”, aveva scritto Miley.
Causa scatenante di questa pausa di riflessione sarebbe stato il comportamento un po’ troppo allegro di Liam Hermsworth che si sarebbe fatto notare in occasione di una delle feste degli Oscar insieme alla bella January Jones, di Mad Men.
I testimoni sostengono che fra i due sia scappato addirittura un bacio e anche se nel corso dei giorni le indiscrezioni si sono succedute anche sull’identità. E anche se in molti si sono precipitati a difendere Liam Hermsworth dicendo che lui la Jones sono solo buoni amici, l’ira di Miley Cyrus non di sarebbe ancora placata. 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©