Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

PEDOPORNOGRAFIA SU INTERNET: 3 ARRESTI


PEDOPORNOGRAFIA SU INTERNET: 3 ARRESTI
13/12/2007, 10:12

Tre persone sono state arrestate in flagranza, dalla polizia postale di Catania, nell'ambito di un'inchiesta che coinvolge 51 persone accusate di detenzione di materiale pedo-pornografico acquisito via Internet. Le abitazioni e gli uffici degli indagati sono stati perquisiti su disposizione dalla Procura di Catania. Gli arresti sono stati eseguiti a Roma, Vicenza e Modena. L'indagine, avviata e condotta dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni di Catania, conclude una vasta operazione internazionale di contrasto della pedofilia su internet, denominata "Max2". Migliaia i soggetti identificati all'estero. Il procuratore aggiunto Giuseppe Gennaro e il sostituto Giancarlo Cascino hanno emesso i decreti di perquisizione eseguiti con il coordinamento del servizio centrale polizia delle Comunicazioni di Roma e dell'Interpol, e la collaborazione della polizia tedesca. Le città interessate dalle perquisizioni sono: Ancona, Asti, Bari,Bergamo, Bologna, Cagliari, Cuneo, Ferrara, Firenze ,Foggia, Genova, Lecce, Livorno, Mantova,Massa-Carrara, Milano,Modena,Napoli, Palermo, Parma, Perugia, Pordenone, Reggio Calabria, Rimini, Roma, Sassari, Siena, Siracusa, Torino, Treviso, Trieste, Venezia, Verona, Vicenza.

li arrestati sono persone incensurate e insospettabili: un imprenditore, un commerciante e un impiegato. Uno di loro è sposato ed ha figli, gli altri due sono celibi. Durante la perquisizione compiuta dalla polizia postale in locali in loro uso sono stati sequestrati migliaia di filmini che riproducevano abusi sessuali su bambini di età di 5-6 anni. La grande quantità di Dvd ha fatto scattare l'arresto. Per evitare di essere scoperto, uno di loro nascondeva i filmati pedopornografici su un hard disk esterno al computer, che era solito nascondere ma che la polizia postale di Catania è riuscita ugualmente a trovare. Dal controllo dei passaporti degli indagati è emerso che alcuni di loro abitualmente si recavano in Paesi dove si pratica il cosiddetto 'turismo sessuale', dove è facile cioé organizzare rapporti sessuali con bambini. 
(Fonte:ansa.it)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©