Cyber, scienza e gossip / Religione

Commenta Stampa

Pellegrinaggio delle reliquie di S.Antonio in Ucraina


Pellegrinaggio delle reliquie di S.Antonio in Ucraina
18/11/2011, 13:11

È partito stamattina il pellegrinaggio delle reliquie di sant’Antonio in Ucraina. Ad accompagnare il Santo nel suo viaggio (destinazione Kyiv), il Rettore della Basilica, padre Enzo Poiana, padre Andrea Massarin, cerimoniere del santuario antoniano e don Andriy Tverdokhlib, cappellano della comunità ucraina di Padova.
«Il pellegrinaggio della reliquia – spiega il Rettore della Basilica – ci è stato richiesto dal vescovo di Kyviv-Halyč, Sviatoslav Shevchuk, capo della Chiesa Greco-Cattolica Ucraina di rito Bizantino».
«Ci piacerebbe molto venerare le reliquie del Santo – scriveva infatti il presule a padre Poiana lo scorso settembre – la cui fama si estende ben oltre i confini della penisola italiana. Purtroppo, non tutti i nostri fedeli in Ucraina hanno la possibilità di recarsi in pellegrinaggio a Padova. Per questo chiediamo che sant’Antonio venga da noi». Una richiesta subito accolta dai francescani della Basilica del Santo, considerando anche il fatto che, proprio a Padova, esiste una consistente comunità ucraina, guidata dallo stesso cappellano don Andriy Tverdokhlib che ha collaborato con i frati della Basilica per organizzare questo «viaggio» in terra Ucraina. Una comunità, quella residente a Padova, anch’essa molto devota a sant’Antonio – aggiunge padre Poiana –. È ormai tradizione che la seconda domenica di ottobre di ogni anno, infatti, più di mille persone si recano in Basilica per assistere a una celebrazione nel loro tradizionale rito bizantino».
Una volta arrivati a Kyiv, il pellegrinaggio della reliquia seguirà un programma intenso, che prevede numerose tappe (6 le diocesi visitate), come il più grande santuario mariano in Ucraina di Zarvanystia, Ternopil, Lutsk. Dopo una sosta nel monastero di Sant’Antonio di Lviv, la reliquia proseguirà per la Transcarpazia, Ivano-Frankivsk, Odessa, per poi fare ritorno nella capitale dell’Ucraina, Kyiv e, quindi in Italia, il 28 novembre. A ciascuna diocesi, informa il Rettore della Basilica, verrà donata una piccola reliquia di sant’Antonio a testimonianza della vicinanza del Santo ai fedeli ucraini.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©