Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Per il quinto anno consecutivo, Fiat è il marchio con le più basse emissioni di co2 in Europa


Per il quinto anno consecutivo, Fiat è il marchio con le più basse emissioni di co2 in Europa
17/03/2012, 14:03

Milano, 17 marzo 2012 – I simboli dell’Italia di oggi a pari merito sono il premier Mario Monti e un attore precario diventato famoso in tutto il mondo grazie alla campagna planetaria di un vermouth. Lo stabilisce un sondaggio realizzato contattando oltre 500 tra pubblicitari e addetti ai lavori dell’advertising sparsi tra Usa, Inghilterra, Francia, Germania, Spagna e Russia. Il premier, che raccoglie i prestigiosi elogi della stampa internazionale e che, a suo dire, “in tre mesi ha salvato l’Italia dalla catastrofe” (The Economist, GB, 10/03/12) raggranella un 18% delle preferenze tra i guru della pubblicità mondiale perché giudicato, autorevole, affidabile, serio e inflessibile. Ma la sorpresa è il giovane attore Yurj Buzzi, balzato alla ribalta dopo una lunga esperienza di precariato nel mondo del teatro e della televisione che, peraltro, ha affrontato con caparbietà e senza mai mollare.

Il casting internazionale per il ruolo di protagonista dello spot che lo ha consacrato vincitore tra 5000 partecipanti è stata una vera e propria svolta. Il top model italiano ha raggiunto tra gli interrogati il 18% delle preferenze, a pari merito con il premier, votato come “perfetto uomo simbolo dell’Italia attuale”, un Paese travolto, come scrive il Wall Street Journal (USA), 07/02/12, (http://online.wsj.com/article/SB10001424052970204369404577206512477628178.html?KEYWORDS=rome+against+) dalle problematiche del lavoro, dove però è anche possibile riscattarsi.

Al terzo posto si piazza il calciatore Mario Balotelli, con il 15% delle preferenze, in quanto rappresentate dell’ormai avvenuta integrazione etnica all’interno della società italiana e perfetto testimonial internazionale della fantasia e delle nuove potenzialità del nostro Paese. Al quarto posto l’immarcescibile carisma e fascino di Giorgio Armani: re Giorgio continua a rappresentare al meglio, per il 12%, il modello estetico del made in Italy senza tuttavia mai perdere il desiderio di innovare. Quinto un altro italiano, da sempre presente in questo tipo di rilevazioni, Lapo Elkann, che il 10% dei pubblicitari adora per la sua eleganza estrosa e per la classe italiana che il nipote dell’Avvocato porta con orgoglio in tutto il mondo. Seguono Roberto Bolle (8%), Andrea Bocelli (7%), appaiati con il 3% dei consensi Riccardo Muti ed Ennio Morricone, infine Roberto Saviano (2%).

Ma da che cosa è maggiormente identificata l’Italia di oggi nel mondo? Nell’ordine di rilevanza le risposte sono state: a) dalla questione lavoro e dall’urgenza di non perdere affidabilità e competitività; b) dalla crisi economica e dal calo dei consumi che il mondo dei pubblicitari giudica deleterio; c) dal positivo abbassamento dello spread; d) dalla corruzione ancora dilagante; e) dall’offerta turistica straordinaria che deve essere un punto fermo per il rilancio; f) dalla positiva lotta alla criminalità organizzata e alla mafia.

Anche alla luce di queste osservazioni è interessante notare come venga attualmente e positivamente giudicata l’immagine dell’Italia: migliorata per il 45% degli intervistati, peggiorata per il 23%, stabile per il 20%, “non so” per il 12%.

Infine i pubblicitari hanno anche indicato quali sono le leve economiche e le positività su cui dovrebbero puntare gli italiani e i loro governanti per un forte rilancio del Belpaese. Al primo posto il connubio tra turismo, arte e cultura, che per il 26% degli interrogati dovrebbe aprirsi maggiormente alle dinamiche di marketing e agli interventi mirati dei privati e dei grandi brand, soprattutto quelli italiani; per il 18% un miglioramento dei trasporti e delle infrastrutture darebbe una spinta notevole all’economia italiana; un 12% indica nella lotta alla corruzione e nella liberalizzazione del mercato interno la chiave giusta; ultimo, un 9% vede in un miglioramento della preparazione universitaria e delle conoscenze linguistiche internazionali (inglese, cinese ecc.) una leva per consentire ai giovani talenti italiani di affermarsi con più facilità nel mondo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©