Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Sbarca in Italia la nutrizione artificiale: è boom

"Perdi dieci chili in dieci giorni": scoppia la sondino-mania


'Perdi dieci chili in dieci giorni': scoppia la sondino-mania
14/11/2010, 18:11

ROMA - Il sogno di molti che diventa realtà: dimagrire 10 kg in 10 giorni. Sarà per questo che sempre più italiani - obesi e non, di tutte le età - fanno la fila davanti all'ambulatorio del servizio di nutrizione clinica del Policlinico Umberto I di Roma: vogliono perdere peso con la tecnica della nutrizione artificiale, praticamente un sondino sottile che va dal naso allo stomaco, attraverso cui passa una soluzione di sole proteine. Negli ultimi 5 anni già 24 mila pazienti, tra cui molti vip (politici, star del cinema e della tv), si sono rivolti a lui, lo scopritore "per caso" di questa terapia: Gianfranco Cappello, responsabile del servizio di nutrizione clinica dell'ospedale romano: "ormai ogni sabato mattina circa 300 persone da tutta Italia arrivano al Policlinico per seguire il mio corso di preparazione alla Nec (Nutrizione enterale chetogena)". Il corso è obbligatorio, ed è il primo passo da fare se si vuole seguire questa strada. Che funziona così: si applica un sondino nasogastrico collegato a una sacca che contiene una soluzione a base di proteine. Sostituirà colazione, pranzo e cena per 10 giorni. Niente cibo, solo acqua, camomilla, tè e caffè senza zucchero. L'organismo riceve i nutrienti grazie a una pompa che sta dentro uno zainetto (il tutto pesa un chilo e mezzo) e deve essere ricaricata ogni sera. Il risultato di questo sacrificio è che si riesce a perdere in 10 giorni dal 7% al 10% del peso corporeo iniziale. Non mancano però le polemiche. Ai dietologi e ai nutrizionisti questa tecnica di dimagrimento fa storcere il naso. "Sono metodiche che non andrebbero usate, se non nei grandi obesi. Applicarla indistintamente a tutti, anche a chi ha solo un pò di pancetta, mi sembra una forzatura", taglia corto Pietro Migliaccio, presidente della Società italiana di scienza dell'alimentazione. "Si tratta - aggiunge - di una dieta assolutamente priva di carboidrati, che altera il metabolismo. E che potrebbe, e sottolineo potrebbe, dal momento che non ci sono riscontri scientifici a riguardo, creare problemi a livello renale ed epatico". Perplessità che Cappello rispedisce al mittente: "La cura non comporta alcun rischio".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©