Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Sergio Assisi troppo immaturo per la Pession

Pession,ecco perché è finita la mia storia con Assisi


Pession,ecco perché è finita la mia storia con Assisi
07/06/2012, 17:06

La loro storia è giunta al capolinea quasi un anno fa eppure lei, la bella Gabriella Pession non si era pronunciata prima d’ora sui motivi della rottura. Solo in questi giorni, e a quasi un anno di distanza la Pession parla con estrema sincerità dei motivi che hanno portato la storia a naufragare.
A Vanity Fair, Gabriella racconta  che il loro era un rapporto “malato”ed è stata proprio lei a decidere di rompere definitivamente la storia. In realtà ammette che la natura del rapporto con Sergio era sbagliata, troppo esclusiva al punto tale da isolarli completamente dal resto del mondo.
Tra l’altro i due attori litigavano spesso, erano troppo diversi, ma ci è voluto del tempo per capirlo. E a capirlo è stata proprio Gabriella che, dopo quattro anni di passione, ha detto basta ed è volata negli Stati Uniti per dimenticare il suo ex.
I due attori si erano conosciuti nel lontano 1999 sul set del film Ferdinando e Carolina di Lina Wertmuller e all’inizio era nata una bella amicizia. Qualche anno dopo, nel 2004, sul set della fiction Rai Capri era scoppiata la vera passione. Adesso, a distanza di un anno dalla rottura definitiva Gabriella sembra essere ancora molto affezionata a Sergio anche se lo accusa di una certa immaturità augurandogli di trovare la felicità che insieme non sono riusciti a trovare.
Ora, l’attrice guarda avanti senza rimpianti: al momento è impegnata, anche se preferisce non svelare nulla al riguardo . Sulla natura della sua nuova storia però sembra avere le idee chiare: non si tratta di un vero amore, né di una travolgente passione, semplicemente di una certa armonia, come ama definirla. E la persona che frequenta non fa assolutamente parte del mondo dello spettacolo, particolare che sembra essere molto gradito a Gabriella.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©