Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Agenzia russa: su Argentina i detriti della sonda per Marte

Phobos Grunt, l'impatto non avverrà su Nord America e Africa meridionale e orientale


Phobos Grunt, l'impatto non avverrà su Nord America e Africa meridionale e orientale
15/01/2012, 16:01

Comincia a restringersi e a definirsi la fascia oraria nella quale dovrebbe avvenire l’impatto nell’atmosfera della sonda russa Phobos Grunt, il cui rientro e’ previsto nella serata di oggi. I piu’ recenti calcoli della traiettoria, inoltre, permettono di escludere il Nord America e le zone meridionali e orientali dell’Africa dalle aree sulle quali potrebbe avvenire l’impatto della sonda nell’atmosfera, e dove quindi potrebbero cadere frammenti del veicolo spaziale, compresa la capsula che avrebbe dovuto portare a Terra i campioni raccolti dalla luna di Marte Phobos.
   Al momento sono impossibili previsioni piu’ precise e di conseguenza le possibili zone sulle quali potrebbe avvenire l’impatto sono gli oceani Pacifico e Atlantico, seguiti da Europa, Asia, Australia, Sud America.
   Secondo i calcoli aggiornati dell’agenzia spaziale russa, Roscosmos, il probabile orario dell’impatto sono le 19,53 (ora italiana) con un’approssimazione di piu’ meno 130 minuti. Per l’Aerospace Corporation,  che  questa mattina indicava una fascia oraria molto piu’ ampia (le 23,26 con un’approssimazione di piu’ o meno 9 ore) , indica l’ora probabile dell’impatto alle 20,21 con un’approssimazione di piu’ o meno tre ore. Per il Comando Strategico degli Stati Uniti l’impatto potrebbe avvenire fra le 17,11 e le 19,35 italiane.

AGENZIA RUSSA: SULL'ARGENTINA I DETRITI DELLA SONDA PER MARTE - I detriti della sonda russa che avrebbe dovuto raggiungere la luna di Marte Phobos precipiteranno alle 18.52 (ora italiana) in Argentina, a 120 chilometri a ovest della cittadina di Rosario. E' il frutto dei calcoli aggiornati dell'agenzia spaziale russa di Roscosmos citati dall'agenzia di stampa Interfax. I controllori di terra non riescono a impartire comandi alla sonda Phobos-Grunt dallo scorso dicembre: dopo il lancio avvenuto con sucesso lo scorso 8 novembre, il motore che, a due diverse riprese, avrebbe dovuto spingerla in direzione del 'pianeta rosso' non si e' acceso e per questo, da allora orbita intorno alla terra, perdendo gradualmente quota. Sono 20-30 i frammenti della sonda (13 tonnellate, di cui dieci di carburante che esplodera' al rientro) che dovrebbero riuscire a passare interi all'impatto con l'atmosfera terrestre. La sonda avrebbe dovuto raccogliere campioni di terreno di Phobos da riportare a terra.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©