Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Più di 400 geologi a Roma, da tutta Italia per il Forum sul Dissesto Idrogeologico


Più di 400 geologi a Roma, da tutta Italia per il Forum sul Dissesto Idrogeologico
04/06/2010, 12:06

Tutti i venti Presidenti dei rispettivi Ordini Regionali dei Geologi d’Italia, più di 400 geologi provenienti da tutto il Paese, esponenti del mondo accademico, istituzioni, giornalisti, saranno insieme al Forum Nazionale sul dissesto idrogeologico in programma il 16 Giugno al Centro Congressi Frentani di Roma. Moderatore del grande ed importante evento, voluto ed organizzato dagli Ordini Regionali dei Geologi d’Italia e dal Consiglio Nazionale dei Geologi, sarà il noto giornalista Rai , Beppe Rovera. Un appuntamento al quale sono state invitate le massime cariche dello Stato.
Eugenio Di Loreto, Presidente dell’Ordine dei Geologi del Lazio, aprirà i lavori che proseguiranno con l’intervento di Pietro Antonio De Paola, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi. La relazione di apertura sarà affidata a Vittorio D’Oriano , Presidente dell’Ordine dei Geologi della Toscana e quella di chiusura a Pierfederico De Pari, Presidente dell’Ordine dei Geologi del Molise. In mattinata interverrà al Forum il Vicepresidente del Senato, Domenico Nania.

Folta la presenza del mondo politico – istituzionale da Alfonso Andria della Commissione Agricoltura del Senato ad Antonio Gentile della Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica, da Elisabetta Zamparutti della Commissione
Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati a Vincenzo Garofalo della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, da Dario Fossati,
Assessore regionale della Lombardia a Fabiano Amati, Assessore regionale della Puglia.
Alessandro Guerricchio dell’Università della Calabria si soffermerà sulla frana di Maierato.
Antonello Fiore e Francesco M. Guadagno, rispettivamente dell’Autorità di Bacino della Puglia e dell’Università degli Studi del Sannio, illustreranno la frana di Montaguto.
“L’Emergenza Sarno e l’esperienza dei Presidi Territoriali” sarà il tema approfondito da Domenico Calcaterra dell’Università Federico II di Napoli e da Giuseppina Nocera di ARCADIS – Regione Campania.
Da “Giampileri a Caronia: la Sicilia che frana” sarà il tema della relazione del Presidente dell’Ordine dei Geologi della Sicilia, Gian Vito Graziano.
Giovanni Bracci del Servizio Difesa del Suolo – Provincia di Pisa, parlerà della rotta arginale del Serchio del giorno di Natale 2009.

Il Forum di Roma sarà un grande evento culturale, sociale e mediatico con la tavola rotonda alla quale prenderanno parte, oltre ai rappresentanti del mondo politico sopra citati: Francesco Karrer, Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, Leonello Serva, Direttore del Servizio Geologico d’Italia – ISPRA, Francesco Russo, Presidente dell’Ordine dei Geologi della Campania, Giovanni Calcagnì, Presidente dell’Ordine dei Geologi della Puglia, Paolo Spagna, Presidente

dell’Ordine dei Geologi del Veneto, Enrico Gennari, Presidente dell’Ordine dei Geologi delle Marche, Vincenzo Morra del Consiglio Universitario Nazionale, l’urbanista Paolo Berdini, Raffaele Pignone, Dirigente del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli della Regione Emilia Romagna, Paolo Cappadona dell’Autorità di Bacino della Regione Calabria, Mario Briguglio, sindaco di Scaletta Zanclea .
Ma quale l’impatto economico dei danni causati dal dissesto idrogeologico sul sistema Italia? Ne parleranno Gianluigi Giannella e Tiziana Guida della Segreteria Tecnica per la Tutela del Territorio del Ministero dell’Ambiente, nella sessione del pomeriggio presieduta da Marina Fabbri, Segretario dell’Ordine dei Geologi del Lazio.
Sempre nella sessione pomeridiana saranno messi in evidenza gli aspetti conosciuti e sconosciuti del dissesto idrogeologico nel nostro Paese con gli importanti interventi di Nicola Casagli dell’Università degli Studi di Firenze, di Eros Aiello, dell’Università degli Studi di Siena e di Mario Smargiasso, Segretario dell’Autorità di Bacino della Regione Marche.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©