Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Quando il contraccettivo diventa gel

Pillola anticoncezionale, arriva quella spalmabile


Pillola anticoncezionale, arriva quella spalmabile
26/10/2010, 19:10

NAPOLI - I primi test, effettuati però su di un numero relativamente ristretto di pazienti, sembrano suggerire che il nuovo anticoncezionale pronto a sostituire la "vecchia" pillola non presenta effetti collaterali.
Prima di lasciarsi andare ad incontrollate reazioni di giubilo, però, è opportuno precisare che il nuovo farmaco deve ancora superare alcuni test prima di poter essere lanciato sul mercato definitivamente. Presentato al meeting della American Society for Reproductive Medicine, questo nuovo gel contraccettivo a base di Nestorone, promette la massima efficacia abbinata alla massima sicurezza per chi lo assume. La crema a base dell'ormone progestinico, infatti, può essere spalmata su varie parti del corpo come fianchi, addome e braccia. 
Il primissimo test, comunque, è stato condotto su appena 18 donne di età compresa tra i 20 e i 30 anni. Per tutte, presidposta una dose giornaliera di 30 milligrammi spalmata sul corpo per un periodo di sette mesi. Al termine della sperimentazione, nessuna delle donne è andata incontro alla gravidanza e, in più, non è stato riscontrato nessuno degli effetti collaterali tipici della pillola. Ruth Merkatz, dell'organizzazione no profit Population Council che ha condotto il test, spiega entusiasta "Ovviamente i soggetti sono pochi, ma i risultati sono ottimi. Ora proveremo il gel su un numero maggiore di persone".
Secondo gli estensori del nuovo medicinale, inoltre, il gel anti gravidanza potrà essere utilizzato anche dalle neomamme che, avendo da poco avuto un bimbo, non possono assumere la pillola a causa del delicato periodo caratterizzato dall'allattamento. Insomma, stando alle ultime scoperte in ambito medico-scientifico, non avere figli sarà sempre più facile e sicuro. Ciò che sarà sempre più difficile, soprattutto in paesi come l'Italia dove il tasso di natalità e bassissimo ed il numero dei decessi supera quello delle nascite, sarà probabilmente la continuazione di determinate identità etniche. Di sicuro, tra due o trecento anni, le popolazioni occidentali saranno composte per lo più da individui meticci e da incroci di razze che farebbero rabbrividire ogni gagliardo leghista.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©