Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Nata come ripicca, ha sgominato gli avversari

PlayStation compie 15 anni, un successo senza fine


PlayStation compie 15 anni, un successo senza fine
13/09/2010, 15:09

Sono abbastanza vecchio da ricordare le prime pubblicità: immagini apparentemente senza senso, ma con quei simboli che incuriosivano. Cosa potevano significare un quadrato, un triangolo, un cerchio e una croce? E il 9 settembre 1995 lo si è scoperto anche in Italia, era una nuova consolle.
Ma l'idea era nata alcuni anni prima, quando la Sony si era accordata con la Nintendo per costruire un lettore CD-Rom per il Super Nintendo. L'accordo poi naufraga ma la Sony non butta l'esperienza fatta e all'inizio del 1994 esce in Giappone questa consolle, già con ottimi titoli. Niente a che vedere con la qualità di oggi, ovviamente, ma comunque è notevole, al livello delle sale giochi. E ha un parco titoli di eccellente qualità. E quando a fine 1994 sbarca negli Usa, sbanca completamente, impossessandosi del mercato. Alla fine la PlayStation venderà 130 milioni di pezzi in tutto il mondo, contro i circa 40 milioni del Nintendo 64; e il Sega Saturn che occupa solo una nicchia. Nel 2000 esce la PS2, che è una prosecuzione: può usare anche i giochi della PlayStation ma ha i suoi giochi. E poi ha tante novità sperimentali: una porta ad alta capacità di dati (praticamente mai usata, si chiamava Firewire); l'Eye Toy, una telecamera che permetteva di seguire i movimenti dell'utente per interagire con gioco (praticamente l'antesignano di diversi giochi usati sui PC dotati di videocamera e poi della Nintendo Wii). A quel punto i suoi rivali erano non solo il Gamecube e il Sega Dreamcast, ma anche il Microsoft Xbox. Ma anche lì non c'è stata storia.
Poi nel 2006 arriva la PS3, meno compatibile con la PS2, ma più aperta ad Internet e alle community, possibilità offerta dall'esplosione dell'ADSL e dell'utilizzo di Internet anche per giocare tra PC lontani tra loro. Anche oggi i rivali sono forti: la Xbox, che è migliorata; la Wii, molto particolare con il suo sistema di replica dei gesti che l'utente fa. Ma sembra non ci siano limiti all'esplosione di questo successo

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©