Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Mercoledì 17 novembre al torrente Mortella nella frazione d

Pollica, nuovi alberi in arrivo con Mettiamo a Fuoco il Pianeta: Legambiente e Feltrinelli piantano il “Bosco della Legalità”


Pollica, nuovi alberi in arrivo con Mettiamo a Fuoco il Pianeta: Legambiente e Feltrinelli piantano il “Bosco della Legalità”
15/11/2010, 15:11

Lecci, pioppi, querce e carrubi. Saranno 1.300 gli alberi del Bosco della Legalità che Legambiente e Feltrinelli metteranno a dimora a Pioppi (frazione di Pollica) nell’ambito di Mettiamo a Fuoco il Pianeta un mese d’iniziative a sostegno dello sviluppo sostenibile che in questa occasione anticipano il lungo week-end di Festa dell’Albero la tradizionale campagna di Legambiente organizzata a Pollica con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, che torna il 19, 20 e 21 novembre. Gli alberi piantati sono il frutto della raccolta fondi che si è svolta domenica 31 ottobre, presso le Librerie Feltrinelli. A piantare i primi 50 alberi saranno i bambini delle scuole elementari di Pollica che mercoledì 17 novembre, alle ore 11, si ritroveranno lungo le rive del Torrente Mortella a Pioppi (frazione di Pollica). Un gesto importante anche in ricordo del Sindaco Angelo Vassallo, che ha pagato con la vita l’impegno in difesa del suo territorio e in onore del quale Legambiente ha aperto il sito internet www.siamotuttidipollica.it. Visitandolo, chiunque si riconosca nell’esperienza di buon governo di Acciaroli e Pollica, potrà acquisirne la Cittadinanza Virtuale. Con un click, infatti, è possibile richiedere una carta d’identità simbolica emessa dal Comune per testimoniare la propria solidarietà alla comunità del Cilento. Alla piantumazione saranno presenti: Stefano Pisani, vicesindaco di Pollica, Amilcare Troiano, presidente del parco nazionale del Cilento e Vallo Diano, Antonio Nicoletti, responsabile aree protette di Legambiente, Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania e Paolo Soraci, responsabile comunicazione Librerie Feltrinelli.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©