Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

PRESENTATO IL PRIMO RAPPORTO SUI RIFIUTI


PRESENTATO IL PRIMO RAPPORTO SUI RIFIUTI
16/12/2008, 17:12

 

“Con la pubblicazione del Primo Rapporto provinciale sui rifiuti cogliamo il risultato di un lavoro lungo e intenso, grazie al quale oggi abbiamo a disposizione uno strumento completo, con dati ufficiali sul ciclo di smaltimento dei rifiuti solidi urbani per tutti i 104 Comuni casertani”. L’assessore all’Ambiente, Lucia Esposito, commenta con soddisfazione la pubblicazione del documento, mai redatto prima dall’Ente, illustrato stamane nell’aula consiliare. L’iniziativa s’inserisce nell’ambito delle attività dell’Osservatorio sui rifiuti, avviato dall’ex assessore al ramo Maria Carmela Caiola. Alla presentazione hanno partecipato il docente universitario Vincenzo Pepe, che ha coordinato il lavoro con Domenico Amirante, i consulenti Marina Boccassini e Antonio Borbone, tecnici e amministratori dei Comuni di Terra di Lavoro.
       L’assessore Esposito ha sottolineato la completezza del Rapporto: “Siamo riusciti a inserire le cifre di tutti gli Enti, operazione complessa, tanto che, a quanto ci risulta, non tutte le Province ci sono riuscite. Inoltre abbiamo raccolto ed elaborato anche i dati economico-finanziari, assenti negli altri Rapporti”. Dalle cifre emerge che nel 2006 i costi di esercizio sostenuti dai Comuni della provincia di Caserta nella gestione dei rifiuti urbani hanno superato il valore di 120 milioni di euro. A livello provinciale, il costo pro-capite nel 2006 è stato pari a circa 134,82 euro ad abitante. Il volume analizza anche il grado di copertura dei costi, grazie ai dati rilevati dai Certificati di Conto Consuntivo dei Comuni. “Le attività dell’Osservatorio – ha poi annunciato Esposito – saranno implementate con l’obiettivo di raccogliere le cifre riguardanti anche i rifiuti pericolosi. Così intendiamo rendere l’Osservatorio – ha concluso – un punto di riferimento costante per tutti i soggetti che si occupano dell’ambiente e della sua tutela in Terra di Lavoro”.
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©