Cyber, scienza e gossip / Religione

Commenta Stampa

Visita a Santa Maria Maggiore per preghiera privata

Primo giorno del nuovo Papa Francesco, il cardinale Bergoglio

Ombre sui rapporti con dittatura argentina

Primo giorno del nuovo Papa Francesco, il cardinale Bergoglio
14/03/2013, 10:38

CITTA' DEL VATICANO - "Non ho nessuna possibilità di diventare Papa, l'età questa volta gioca contro di me". Jorge Mario Bergoglio, da ieri sera Papa Francesco e successore di Benedetto XVI, era partito per Roma convinto che sarebbe tornato nella "sua" Argentina da cardinale. Lo aveva confessato lui stesso in un'intervista rilasciata prima del conclave a 'La Nacion'. Che oggi suona come una profezia al contrario e che il quotidiano argentino rievoca nei passi salienti in un editoriale in prima pagina.

Il papa arrivato "dalla fine del mondo", la definizione che il nuovo pontefice si è ritagliato su misura, questa mattina si è recato davanti all'icona di Maria Salus Populi Romae, nella Cappella Borghese della Basilica di Santa Maria Maggiore, per una visita di preghiera privata. Jorge Mario Bergoglio ha lasciato la Basilica romana di Santa Maria Maggiore uscendo non dall'ingresso principale ma dalla porta posteriore. Ad accompagnarlo, fra gli altri, il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi.

LA STAMPA ARGENTINA - ''Il capo della chiesa: un austero cardinale e uomo comune''. Cosi' la stampa argentina, in particolare il quotidiano 'La Nacion' ha descritto il nuovo papa Francesco I. ''Semplice, vicino ai poveri e fermo nelle sue convinzioni'' ma anche ''consapevole dei problemi che affliggono il Vaticano e che nidificano nel cattolicesimo''. 'La Nacion' sottolinea come Francesco sia ''un santo nome che anticipa un cambiamento della Chiesa'' e l'elezione ''senza precedenti di Bergoglio e' un segno di un nuovo inizio''. Il giornale argentino, inoltre, non dimentica che Bergoglio si e' opposto in maniera ferma ai governi di Nestor e Cristina Kirchner, attuale presidente argentina, ricordando i discorsi piu' polemici dell'allora arcivescovo di Buenos Aires contro la corruzione e la poverta' troppo spesso dimenticati in Argentina. Gli ha fatto eco anche il 'Guardian' che ha riportato un discorso di Bergoglio del 2009 in cui 'accusava' l'amministrazione di Nestor Kirchner di aver reso piu' grandi le ineguaglianze piuttosto che prevenirle. 

Dopo l'elezione di Papa Francesco I, i bookmaker non hanno perso tempo e hanno gia' aperto scommesse sul futuro: il premio Nobel per la Pace e' bancato a 15,00, a 4,50 la prima visita in Brasile mentre si gioca a 3,50 che anche lui, come Benedetto XVI, decida di lasciare il Soglio volontariamente.

L'elezione del cardinale argentino a Sommo Pontefice Francesco, tra l'altro, ha 'impazzato' sulle conversazioni di Facebook e Twitter e la meta' degli 'tweet' sul nuovo pontefice si sono originati in tre Paesi: Usa, Argentina e Spagna. Nell'intera giornata, secondo i dati pubblicati su Twitter nel suo blog, sono stati diffusi piu' di 7 milioni di messaggi sul papato con un traffico di 130mia 'tweet' al minuto negli attimi immediatamente successivi a quelli in cui il cardinale protodiacono, Jean Luis Tauran, si e' affacciato alla Loggia delle Benedizioni per dare la notizia. Secondo i dati raccolti dalla web Topsy, si sono stati 4 milioni di tweet nelle due ore seguite all'annuncio papale (il 22%& in Usa, il 19% in Argentina, l'11% in Spagna, il 6% in Messico, il 5% in Brasile, il 4% in Venezuela e il 3% in Colombia e in Italia). Molti i capi di Stato o di governo che hanno scelto Twitter per dare gli auguri al nuovo Papa, prima tra tutti il capo dello Stato argentino, Cristina Fernandez Kirchner.

E sempre sui social network hanno iniziato a rimbalzare notizie su "un atteggiamento controverso mantenuto all'epoca della dittatura militare in Argentina''.

La Sala Stampa della Santa Sede ha annunciato che gia' domenica prossima il nuovo Papa guidera' l'Angelus dalla consueta finestra dell'Appartamento Pontificio, alla Terza Loggia del Palazzo Apostolico. A Buenos Aires notoriamente il cardinale Bergoglio aveva rinunciato ad abitare nell'Episcopio e viveva conalcuni altri sacerdoti in un modesto appartemanto alla periferia della citta', recandosi poi in in ufficio in autobus. 

Festeggia anche il Calcio Catania per l'elezione del nuovo Papa Francesco. La squadra etnea ha la piu' nutrita colonia di argentini tra le formazioni di Serie A: ben 10 rossazzurri, infatti, sono connazionali di sua Santita' Jorge Mario Bergoglio, arcivescovo di Buenos Aires prima dell'elezione. Della ''gioia'' dei sudamericani del Catania si fa portavoce il portiere dei siciliani e della nazionale dell'Argentina, Mariano Gonzalo Andujar, che e' nato a Buenos Aires: ''Sono davvero emozionato - afferma sul sito della societa' - e' un momento storico e ho accolto la notizia con un grande sorriso''. ''Ho sentito i miei compagni - aggiunge Andujar - e per noi argentini l'origine del nuovo Papa e' certamente un motivo in piu' per gioire. Francesco I porta il Sud del mondo, le sue speranze e la sua energia in Vaticano: possa essere uno splendido percorso sulla retta via della fratellanza per tutti, proprio come e' stato detto''.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©