Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Una ricerca internazionale scopre i geni difettosi

Quando lo sport non migliora la salute è colpa del Dna Pigro


Quando lo sport non migliora la salute è colpa del Dna Pigro
07/02/2010, 14:02

LONDRA - Vi iscrivete in palestra, sborsate la vostra brava quota mensile (più quella d'iscrizione), seguite alla lettera le indicazioni del vostro personal trainer, riempite secchi di sudore ed arrivate a non sentirvi più i muscoli. Tutto questo sacrificio, ovviamente, lo fate perchè come si sa l'attività fisica fa bene alla salute. Peccato che, per il 20% della popolazione mondiale, esista una sorta di impigrimento del Dna caratterizzato da geni definiti "fitness flop".
La scoperta, dovuta ad una ricerca internazionale coordinata dall'Università di Londra, dimostra come una piccola mole di geni "pigri" riesca in effetti a vanificare gli sforzi fisici prodotti per godere di buona salute. Per questi sfortunati individui flagellati da Dna "pigro", infatti, non basta affidarsi al sano allenamento fisico per preservare il proprio corpo dai vari acciacchi dovuti al poco movimento, dal diabete, da malfunzionamenti del cuore ecc..
L'esperimento è stato condotto utilizzando 500 volontari europei e statunitensi e sottoponendo questi ultimi ad un programma di esercizio aerobico della durata di 30 minuti effettuato per 5 volte alla settimana.
Prima di effettuare il particolare allenamento, tutte i soggetti erano stati sottoposti ad un prelievo di tessuti muscolari. Tale prelievo aveva mostrato la presenza di alcuni geni (11 in particolare) responsabili dall'aumento del consumo di ossigeno. Il consumo di ossiggeno, infatti, rappresenta un'importante indicatore del benessere generale di un individuo: più è alto e più il livello di salute è buono e viceversa. Le misurazioni adoperate dopo 6,12 e 20 settimane dimostravano un incremento totale del 5% nel 20% delle persone esaminate...aumento che gli esperti hanno naturalmente reputato molto poco indicativo. Nel 30% dei casi, inoltre, si registrava un altrettanto trascurabile aumento della sensibilità all'insulina; dato fondamentale per valutare la difesa dal rischio di contrarre il diabete.
 Come spiega James Timmons, a capo dello studio pubblicato su "Journal of Applied Physiology, "Sappiamo che un consumo basso di ossigeno è un forte fattore di rischio per alcune malattie e per il pericolo di morte prematura".
"per cui gli addetti ai lavori tendono a raccomandare, o meglio a prescrivere, l'esercizio aerobico per aumentare la capacità di consumo -
conclude l'esperto -. La nostra speranza è giungere a fare tale prescrizione solo a chi può trarre davvero benefici dall'attività fisica, indirizzando gli altri (ovvero gli sfortunati dai geni pigri ndr) ad adottare altre misure per preservare la propria salute".
Insomma la scoperta appare decisamente importante e spiega come mai, alcune persone, nonostante l'attività fisica costante e la disciplina nel seguire diete alimentari sane, contraggano comunque determinate malattie cardiache o diabetiche. Dunque, se nonostante i vostri sacrifici e la vostra costanza nel tentatare di tenervi in forma con la classica e giustamente raccomandata attività motoria non vi sentite meglio, non fatevi cogliere dai sensi di colpa...la causa sarà quasi certamente attribuibile ad alcuni geni "difettosi".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©