Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Readers of “Sport Auto” award prizes to Lamborghini


Readers of “Sport Auto” award prizes to Lamborghini
20/06/2010, 22:06

Il sondaggio “Le auto più sportive del 2010”, che la rivista tedesca “Sport Auto” ha condotto fra i suoi lettori, ha visto la vittoria indiscussa della Gallardo LP 570-4 Superleggera. La più recente delle supersportive di Sant’Agata ha staccato di molte lunghezze le concorrenti, laureandosi regina del segmento col 27% delle preferenze dei lettori. Ma non è mancato un premio anche per la versione scoperta: il secondo gradino del podio nella categoria va infatti alla Gallardo LP 560-4 Spyder. Complessivamente, più di 8.674 lettori di “sport auto” hanno partecipato a “Le auto più sportive del 2010”, votando le preferite fra 15 categorie di auto di serie e 10 categorie di elaborate.

La lamborghini Gallardo LP 570-4 Superleggera è ora, secondo i lettori di « Sport Auto », il modello al top della serie Gallardo. La dicitura « Superleggera » evoca fin da subito la sportività pura : una vettura dalle prestazioni eccezionali, il cui peso è calato di 70 kg rispetto alla Gallardo LP 560-4, grazie soprattutto alla componenitistica in fibra di carbonio di enterni ed esterni. La Lamborghini, già da molti anni ai vertici dell’utilizzo di questo materiale, compie così un ulteriore passo avanti.

Il V10 della Superleggera, di 5,2 litri di cilindrata, sviluppa 419 kW, ovvero 570 CV per un rapporto peso/potenza di soli 2,35 kg/CV. Prestazioni mozzafiato assicurate dal nuovo modello di punta. In 3,4 secondi, la Gallardo LP 570-4 Superleggera scatta da 0 a 100 km/h incollandosi alla pista, mentre le bastano 6,8 secondi per arrivare a 200 km/h, fino a raggiungere una velocità massima di 325 km/h. Non sono solo le prestazioni ad impressionare, ma anche l’efficienza del propulsore a benzina con l’”Iniezione Diretta Stratificata”: i consumi e le emissioni di CO2 segnano un buon 20,5% in meno rispetto al predecessore.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©