Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Renault e E. Leclerc per una mobilità elettrica accessibile a tutti


Renault e E. Leclerc per una mobilità elettrica accessibile a tutti
19/12/2012, 11:26

  • Renault e E. Leclerc confermano il loro impegno per lo sviluppo sostenibile e per la mobilità elettrica in Francia lanciando il «  Club Z.E. dei 50 » che partirà all’inizio del 2013. Grazie a questo Club, in ogni regione, un punto E. Leclerc e una concessionaria Renault collaboreranno per la diffusione delle colonnine di ricarica e per rendere la mobilità Zero Emissioni accessibile ad un più gran numero di persone.
  • Il centro E. Leclerc di Pont l’Abbé, in Bretagna, e la concessionaria Renault Quimper sono i primi membri del Club, che mira a farli diventare attori e ambasciatori del veicolo elettrico nella loro regione.  A supporto dell’iniziativa e in anteprima, 10 Renault ZOE sono state consegnate oggi a Patrick Bellec, proprietario dell’ipermercato E. Leclerc di Pont l’Abbé, in presenza di Michel-Edouard Leclerc, Presidente della catena di ipermercati E. Leclerc, e di Carlos Tavares, Direttore Generale Delegato alle operazioni del Gruppo Renault.

 

Le dieci Renault ZOE ordinate da Patrick Bellec al Salone di Parigi saranno utilizzate come veicoli di servizio da parte di 10 collaboratori del punto vendita di Pont l’Abbé che, per l’occasione, sono stati muniti di Wall Box per la ricarica domestica. Inoltre, potranno ricaricare i veicoli elettrici sul posto di lavoro dove 11 colonnine, ovvero 22 prese, sono disponibili nel parcheggio dell’ipermercato. Queste colonnine saranno accessibili anche a tutti i clienti in possesso di veicoli elettrici.

 

Leader della grande distribuzione in Francia, E. Leclerc vuole promuovere pratiche di consumo più responsabile da parte dei consumatori essendo impegnato da molto tempo nella protezione dell’ambiente. In questa prospettiva, E. Leclerc collabora con le imprese, tra cui Renault, e con le pubbliche amministrazioni per incoraggiare l’uso del veicolo elettrico in Francia, istallando infrastrutture di ricarica nei parcheggi dei propri punti vendita. Una nuova tappa è stata completata oggi a Pont l’Abbé con la creazione del club Renault-E. Leclerc, « Zero Emissioni » e la consegna in anteprima delle prime ZOE.

 

Al momento, più di 20 ipermercati E. Leclerc sono stati equipaggiati di colonnine di ricarica a disposizione dei clienti. Il Club Z.E. dei 50, che unisce a livello locale Renault ed E. Leclerc, a breve diverrà il Club Z.E. dei 500, che comprenderà 500 membri di E. Leclerc investitori nel campo Z.E. e 500 concessionarie Renault presenti sul territorio francese. L’obiettivo del Club è sviluppare la mobilità elettrica in Francia, attraverso azioni di sensibilizzazione e di comunicazione per il grande pubblico. Tutto ciò includerà la presentazione di prodotti sui siti delle due marche, lo sviluppo delle infrastrutture di ricarica negli ipermercati E. Leclerc, iniziative comuni con le amministrazioni locali e scambi continui tra i comitati di direzione a livello locale.  Il centro E. Leclerc di Pont l’Abbé e la concessionaria Renault Quimper del gruppo Bodomer, sono i primi membri del Club, futuri attori ed ambasciatori del veicolo elettrico nel dipartimento di Finistère e più in generale in Bretagna.

 

La consegna delle 10 Renault ZOE precede la commercializzazione di massa di ZOE in tutta la rete Renault che avverrà nella primavera del 2013. Con ZOE, Renault rende disponibile la mobilità a zero emissioni ad un gran numero di persone. ZOE è la prima berlina compatta concepita per essere 100% elettrica e accessibile a tutti, a partire da 13.700€ tasse incluse (prezzo in Francia, al netto degli incentivi fiscali). ZOE incarna l’eccellenza elettrica di Renault e integra la tecnologia elettrica più avanzata. Più di sessanta brevetti sono stati depositati per la creazione di ZOE. Con un’autonomia di 210 km in ciclo NEDC, ZOE è il fiore all’occhiello della gamma elettrica Renault Z.E. e sarà presente sul mercato francese dalla fine dell’anno.

 

Michel-Edouard Leclerc, Presidente della catena di ipermercati E. Leclerc, ha dichiarato: « I nostri impegni nella protezione dell’ambiente. La mobilità è inseparabile dal concetto di ipermercato. Il nostro ruolo è quello di innovare per far evolvere le nuove pratiche di consumo  e facilitare la loro adozione dal grande pubblico. La partnership tra la rete dei nostri aderenti e i concessionari Renault, permetterà una buona copertura del territorio. Saremo dei partner potenziali per accompagnare le città nella promozione di nuove offerte del trasporto privato.»

 

Carlos Tavares, Direttore Generale Delegato alle operazioni del Gruppo Renault, ha dichiarato: «Oltre all’ordine delle Renault ZOE da parte del centro E. Leclerc di Pont-l’Abbé, vorrei lodare l‘impegno di Michel Edouard Leclerc e dei membri della sua rete per sostenere la diffusione del veicolo elettrico in Francia. La capillarità della rete Renault associata a quella dei centri E. Leclerc offre, per i nostri clienti, l’opportunità di un numero maggiore di infrastrutture di ricarica nella loro vita quotidiana. La partnership locale tra Patrick Bellec e la concessionaria Renault Quimper del Gruppo Bodemer permetterà di dare accesso all’innovazione ad un più grande numero di persone. Il Club E. Leclerc-Renault deve permetterci di accelerare questa dinamica in tutta la Francia. »  

 

Patrick Bellec, proprietario dell’ipermercato E. Leclerc di Pont l’Abbé, a partire dalla creazione del suo punto vendita porta avanti molte iniziative in materia di sviluppo sostenibile: nel suo parcheggio, illuminato da lampadari alimentati da pannelli fotovoltaici e con canali ecologici che recuperano l’acqua di scarico, sono presenti già 2 Fluence Z.E. e 4 Twizy. « Da molti anni stiamo compiendo numerosi sforzi per promuovere lo sviluppo sostenibile. Siamo stati il primo centro a stabilire un metodo di calcolo dell’impronta di carbone e a cercare di diminuirla, a proporre le biciclette elettriche al personale, a noleggiare le vetture ibride…Non possiamo che essere i primi ad accogliere i veicoli elettrici » ha affermato Patrick Bellec.

 

Renault :

Il Gruppo Renault, presente in 118 paesi, concepisce, sviluppa, fabbrica e vende automobili e veicoli commerciali sotto tre marchi: Renault, Dacia e Renault Samsung Motors. Per rispondere alle nuove sfide che incontra l’industria automobilistica, sia ecologiche che economiche, Renault fa leva su due pilastri: il miglioramento delle tecnologie esistenti con nuove generazioni di motori ad emissioni ridotte di CO2 e il programma di svolta «Zero Emissioni». Renault ha lanciato una gamma « Zero emissioni» con Fluence Z.E., Kangoo Z.E. e Twizy, quadriciclo urbano innovativo, a cui farà seguito nei prossimi mesi ZOE. Questa gamma rende l’innovazione accessibile a molte persone. Con il suo partner Nissan, Renault mira alla leadership mondiale in termini di commercializzazione di veicoli a zero emissioni.

 

E. Leclerc :

Con 560 ipermercati in Francia e 530 investitori, E. Leclerc è leader della grande distribuzione in Francia. Il gruppo ha realizzato una cifra di affari di 15, 2 miliardi di euro (ad esclusione dei carburanti) nel primo semestre del 2012, ossia una crescita dell’8,3%. La leadership della marca viene confermata dalla quota di mercato del 18,1%, in aumento di 0.8 punti percentuali. Queste performance sono il risultato di una politica condotta a partire dalla creazione del Movimento E. Leclerc nel 1949: la sua battaglia quotidiana per prezzi bassi e un modello economico unico si basa su un’organizzazione decentralizzata, cooperativa e partecipativa. I membri del Movimento E. Leclerc, imprenditori indipendenti, condividono la stessa missione : permettere a tutti di vivere meglio spendendo meno, grazie ad alcune iniziative innovative e responsabili, praticando prezzi più bassi a qualità comparabile. Attori fondamentali a livello locale, i membri del gruppo investono a lungo termine al fine di rendere gli ipermercati E. Leclerc luoghi adatti per soddisfare le esigenze dei loro clienti, difendendo il loro potere d’acquisto giorno per giorno.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©