Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Renault: fabbrica Georges Besse di Douai compie 40anni


Renault: fabbrica Georges Besse di Douai compie 40anni
16/09/2010, 12:09

Creata nel 1970, Renault-Douai ha completato l’apparato industriale francese del Gruppo.
Durante i Trent’anni di Gloria, tra il 1960 e il 1970, le vendite mondiali di Renault erano raddoppiate e le capacità esistenti erano insufficienti per rispondere alla domanda. Negli anni ’60, il Gruppo ha quindi aperto varie fabbriche, come Valladolid (Spagna) nel 1962, Sandouville (Francia) nel 1964 e Bursa (Turchia), nel 1969.

Renault ha creato questa fabbrica a Douai, in una regione che si confrontava con la crisi delle industrie minerarie e tessili, a causa del posizionamento geografico della città, nel cuore dell’Europa Occidentale.
I lavori sono iniziati il 26 maggio 1970 e le prime assunzioni sono avvenute a settembre dello stesso anno. La fabbrica ha cominciato con la produzione di lamiere per altri siti, prima di produrre dei veicoli completi, da dicembre del 1974. La prima automobile che è uscita dal sito è stata una Renault 5. Nel 1976, Douai inizia a specializzarsi nella produzione di berline medie, con Renault 14. Saranno prodotte in seguito Renault 9 nel 1981, Renault 11 nel 1983, Renault 21 nel 1986 e Renault 19 nel 1988. Nel 1995, la fabbrica ha iniziato la produzione di Mégane prima generazione.

Nel 1996, Douai é diventata la prima fabbrica al mondo a produrre un monovolume compatto, Scénic prima generazione, un veicolo che avrebbe rivoluzionato il mercato europeo. Il sito ha anche prodotto Scénic seconda generazione tra il 2003 e il 2009. Oggi, Douai produce New Scénic e Scénic X-mod, così come New Mégane Coupé-Cabriolet.

Renault Douai in cifre :
Dipendenti 2010: 5.100 persone
Produzione quotidiana attuale: 1.000 veicoli al giorno
Produzione 2009: 170.000 veicoli
Produzione totale dall’inaugurazione: 9,2 milioni di veicoli
Certificazione ambientale: ISO 14 001

Renault nel Nord-Pas-de-Calais :
Renault é il primo datore di lavoro industriale del Nord-Pas-de-Calais. Il Gruppo conta quattro siti industriali nella regione, la fabbrica Georges Besse di Douai (New Scénic, Scénic X-mod, Mégane Coupé-Cabriolet), Maubeuge Construction Automobile (Kangoo, Kangoo be bop, Kangoo Express), la Française de Mécanique a Douvrin (motori 1.2 benzina) e STA Ruitz (cambio automatico). Tutti questi siti sono rispettosi dell’ambiente, come lo attesta il certificato ISO 14 001.
Fedele alla sua firma « DRIVE THE CHANGE » Renault prepara il futuro nel Nord-Pas-de-Calais. Dal 2011, il Gruppo produrrà Kangoo Express Z.E., il primo veicolo commerciale elettrico accessibile a tutti.

Renault in Francia :
Renault conta 14 siti industriali in Francia su un totale di 38 nel mondo. Nel primo semestre 2010, questi 14 siti, che impiegano 30.000 dipendenti, hanno prodotto 347.237 veicoli.

Storia:
1970: Creazione della fabbrica di Douai.
1975: Inizio della produzione di Renault 5.
1976: Inizio della produzione di Renault 14.
1980: Inizio della produzione di Fuego.
1982: Inizio della produzione di Renault 9, eletta « auto dell’anno 1982 ».
1983: Inizio della produzione di Renault 11.
1986: Inizio della produzione di Renault 21.
1988: Inizio della produzione di Renault 19, eletta « auto dell’anno 1990 ».
1993: La fabbrica Renault Douai diventa la fabbrica Georges-Besse.
1994: Messa in funzione della pressa HITACHI 5400 tonnellate.
1995: Inizio della produzione di Mégane.
1996: Inizio della produzione di Scénic, eletta « auto dell’anno 1997 ».
1997: La fabbrica Georges Besse diventa una Società a Nome Collettivo.
2000: Inizio della produzione di Scénic RX4.
2002: Inizio della produzione di Mégane II berlina 5 porte.
Costruzione di un nuovo atelier di lamiere e di un nuovo atelier dedicato all’iniezione della cera. (investimento di 500 milioni di euro).
2003: Inizio della produzione di Scénic II e Mégane II Coupé-Cabriolet.
2004: Lancio di Grand Scénic.
2006: Produzione della milionesima Scénic II.
2009: Lancio di Scénic III.
2010: Lancio di Mégane Coupé-Cabriolet.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©