Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Renault Zoe e la città di padova per un car sharing elettrico


Renault Zoe e la città di padova per un car sharing elettrico
10/12/2013, 11:25

Renault ZOE è la protagonista del nuovo servizio di car sharing elettrico, inaugurato oggi dalla Città di Padova, contestualmente alla presentazione dell’infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici in via di installazione nella città veneta.

La cerimonia inaugurale, svoltasi nell’ambito del convegno “Mobilità elettrica:  Padova, verso la Smart City del Futuro”, promosso dal Comune di Padova, ha visto la partecipazione del Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato, e dei partner dell’iniziativa di car sharing: APS Holding, società che gestisce il trasporto pubblico della Città di Padova, ABB, fornitrice delle colonnine di ricarica, e Renault, costruttore leader in Europa nella mobilità elettrica con una gamma di veicoli a zero emissioni.

Scelta da APS per la sua tecnologia e la sua versatilità, Renault ZOE è una innovativa e seducente berlina compatta, 100% elettrica e dal design futuristico, che presenta un concentrato di tecnologie all’avanguardia, fra i quali il connettore a bordo auto Chameleon per ricaricarsi con qualunque livello di potenza, anche a 43 kW in soli 30 minuti o il tablet multimediale R-Link per essere sempre connessi al mondo esterno.

 

Renault ZOE vanta il valore di autonomia media più elevato fra i modelli elettrici di grande serie, che in ciclo di omologazione NEDC raggiunge persino i 210 km corrispondenti a circa 150 km in uso reale. Un livello di autonomia conseguito, grazie anche al sistema Range OptimiZEr per l’ottimizzazione dei consumi energetici, che raggruppa tre innovazioni fondamentali – frenata recuperativa di nuova generazione, pompa di calore e pneumatici MICHELIN EnergyTM E-V, un sistema con il quale ZOE guadagna fino al 25% di autonomia.

 

Renault ZOE si distingue per il massimo livello di sicurezza, attestato dal conseguimento delle 5 stelle EuroNCAP e, grazie ai 4,08 m di lunghezza, si muove agilmente nel traffico cittadino.

Equipaggiata di un propulsore elettrico da 65 kW (220 Nm di coppia), Renault ZOE assicura la massima silenziosità, e soprattutto la completa assenza di emissioni inquinanti, ponendosi come l’emblema di un modo alternativo di concepire il trasporto, in modo moderno ed eco-compatibile, con un elevato contenuto tecnologico e versatile nei suoi utilizzi anche d’intermodalità con altri mezzi di trasporto pubblici e privati, e quindi di car sharing.

 

Nell’ambito del progetto di car sharing della Città di Padova, così, Renault ZOE, permetterà all’utente di abbinare alla convenienza dei tradizionali sistemi di sharing, i vantaggi di una mobilità 100% ecologica, e la praticità del libero accesso alle ZTL, del transito nelle corsie preferenziali, della sosta gratuita nelle strisce blu.

 

Renault ZOE, nella sua configurazione car sharing, specifica versione all’interno della gamma, è pre-equipaggiata di un apposito dispositivo per dialogare con le piattaforme degli operatori di car sharing. Ciò permette all’operatore una più facile organizzazione della propria flotta, trasferendo al sistema gestionale di car sharing in modo semplice, completo, sicuro ed affidabile le informazioni utili, quali lo stato della ricarica, l’autonomia del veicolo,…

 

Francesco Fontana Giusti, Direttore Comunicazione di Renault Italia, ha dichiarato: “Il servizio di car sharing elettrico inaugurato oggi a Padova riflette le nuove esigenze delle città, impegnate a trovare un equilibrio più sostenibile fra gli spostamenti urbani e il rispetto dell’ambiente. Questo è uno dei primi progetti che riconosce ai veicoli elettrici un vantaggio significativo nel servizio di car sharing rispetto ai veicoli termici: la totale assenza di emissioni inquinanti in fase di utilizzo. La scelta della Città di Padova di avvalersi per questo servizio di Renault Zoe premia le caratteristiche di quest’auto. ZOE esprime tecnologia all’avanguardia, massima eco-compatibilità ed anche un design moderno, una sintesi ottimale per fare del car sharing elettrico una scelta di mobilità innovativa.

 

Amedeo Levorato, Presidente di Aps Holding, ha commentato: “Questa novità integra e arricchisce l’offerta del  trasporto pubblico. Dieci anni fa Padova è stata una delle prime città in Italia ad introdurre un cospicuo numero di bus a metano nella propria flotta: una scelta poi confermata e rafforzata nel corso degli anni, tanto che oggi oltre la metà del nostro parco mezzi è a metano. L’introduzione del veicolo elettrico segna un altro importante passo nella stessa direzione: i dati sui livelli delle polveri sottili impongono a tutti noi uno sforzo sempre più intenso nella ricerca di soluzioni che possano dare un piccolo contributo al miglioramento della qualità dell’aria e alla diffusione fra i cittadini di una nuova “sensibilità ambientale” in materia di mobilità.” 
 

 

* L’utilizzo dell’espressione “zero emissioni” nel presente documento, ogni volta che ricorre, è da intendersi solo in fase di utilizzo del veicolo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©