Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Renault-Nissan: una preziosa alleanza per Renault


Renault-Nissan: una preziosa alleanza per Renault
29/03/2013, 15:05

A marzo 2013, l'Alleanza Renault-Nissan festeggia il suo 14° anniversario. Istituita nel 1999, questa collaborazione unica nel suo genere si è sviluppata anno dopo anno nel pieno rispetto della cultura e dell'identità di ciascuna azienda, fino a diventare la partnership transazionale fra due grandi costruttori più longeva del settore automobilistico. Oggi l'Alleanza procura un vantaggio competitivo essenziale alle due Case.

Nell’ambito dell’Alleanza, infatti, Renault ha la levatura e la massa critica di un grande costruttore internazionale, in un'industria automobilistica globalizzata e ultracompetitiva. Nonostante la recessione dilagante in Europa e la battuta d'arresto del mercato cinese, nel 2012 i risultati di vendita complessivi dell'Alleanza hanno raggiunto la cifra record di 8,1 milioni di veicoli (8.097.197 per l'esattezza), di cui 2.550.286 veicoli Renault, 4.940.133 Nissan e 606.778 AVTOVAZ. In totale, il dato rappresenta il 10% dei veicoli nuovi venduti in tutto il mondo e fa dell'Alleanza il quarto gruppo automobilistico mondiale, alle spalle di Toyota, General Motors e Volkswagen.

 Per Renault, questa massa critica è un importante motore di sviluppo su scala internazionale. Da quando Renault e Nissan hanno mosso i primi passi insieme nel 1999, i mercati emergenti sono diventati una colonna portante nella crescita del settore automotive. Se all'epoca Brasile, Russia, India e Cina (le nazioni cosiddette "BRIC") rappresentavano solo l'8% del mercato mondiale, nel 2012 sono arrivatia coprire il 36% delle vendite di veicoli. La strategia dell'Alleanza consiste nell'accelerare la produzione e le vendite di Renault e di Nissan nei Paesi BRIC, con tattiche diverse a seconda della presenza di Renault o di Nissan sul territorio e della possibilità di avviare collaborazioni con la concorrenza, come AVTOVAZ in Russia e Dongfeng in Cina.

 L'India ospita il progetto più ambizioso dell'Alleanza in termini di condivisione delle piattaforme. Lo stabilimento produttivo di Chennai, inaugurato a marzo 2010, è il primo riservato interamente all'Alleanza e consente a Renault di concentrare la produzione a livello locale e di penetrare più facilmente il mercato indiano. In soli 17 mesi, Renault ha lanciato ben 5 veicoli: Fluence e Koleos nel 2011, Pulse, Duster e Scala nel 2012. Renault e Nissan puntano a ottenere una quota di mercato pari al 10% in India entro il 2016, equamente suddivisa. In Russia, invece, la partnership con AVTOVAZ è la principale porta d'accesso al mercato nazionale. Inaugurata nell'aprile 2012 presso lo stabilimento di Togliatti, la nuova linea di produzione B0 provvede all'assemblaggio dei veicoli Renault, Nissan e LADA ed è destinata a raddoppiare le capacità produttive del colosso francese in Russia. Attraverso la partnership con AVTOVAZ, Renault e Nissan intendono conquistare il 40% del mercato russo nel 2016 (l'8% per Renault). In Cina, Renault si appoggerà a Dongfeng, partner cinese di Nissan da oltre 10 anni, per avviare l'attività industriale sul territorio entro il 2016.

 Le radici geografiche complementari dei due gruppi sono il vero punto di forza dell'Alleanza per quanto riguarda la suddivisione dei rischi geografici. Negli ultimi anni, Renault ha risentito della flessione dei mercati automobilistici nella sua culla storica, l'Europa. D'altro lato, Nissan cavalca da tempo la forte crescita del mercato automobilistico cinese e la ripresa del settore negli Stati Uniti, di cui anche Renault beneficia grazie a una partecipazione del 43,4% al capitale della controparte giapponese.

 L’Alleanza consente inoltre a Renault di ottimizzare le economie di scala di anno in anno con nuove sinergie a livello di acquisti, ingegneria, gruppi motopropulsori, logistica, RCI Banque... per un totale di 2,6 miliardi di sinergie nel 2012, di cui 1,16 ascrivibili a Renault. Ad esempio, la RNPO (Renault-Nissan Purchasing Organization), la più grande società comune del gruppo, è responsabile di tutti gli acquisti dell'Alleanza e ha il compito di negoziare i prezzi con vari fornitori per conto delle due Case. Dal 2009, il 100% degli acquisti viene effettuato congiuntamente, contro il 30% del 2001, anno di nascita nella RNPO. In aggiunta, la condivisione di piattaforme e componenti aumenta i risparmi e riduce i costi di sviluppo e produzione, esattamente come le sinergie a livello di gruppi motopropulsori (motori e trasmissioni).

 



Forte dell'alleanza con Nissan, Renault si prepara al futuro proponendosi come pioniere della mobilità sostenibile, grazie a una nuova gamma di veicoli elettrici accessibili a tutti. In due anni, Renault ha lanciato una gamma completa di quattro veicoli elettrici, accessibili a tutti, cioè con prezzi in linea o di poco superiori corrispondenti modellicon motore endotermico (al netto degli incentivi fiscali): Kangoo Z.E., Fluence Z.E., Twizy e ZOE. L'Alleanza è diventata così leader del mercato automotive elettrico mondiale (con una quota del 64%) e Renault è alla testa del continente europeo (con il 27,5%). Merito degli importanti investimenti nella mobilità elettrica da parte dell'Alleanza, quantificabili in 4 miliardi di euro entro il 2015 e 2000 collaboratori dedicati.

 Il 2012 in cifre:

?   8.097.197 unità vendute in totale dall'Alleanza

?   10% del mercato mondiale

?   4° gruppo automobilistico mondiale

?   64% del mercato elettrico mondiale

?   2,6 miliardi di sinergie, di cui 1,16 per Renault

 Struttura dell'Alleanza:

?   Renault detiene il 43,4% di Nissan, Nissan detiene il 15% del capitale di Renault.

?    Questa partecipazione azionaria incrociata garantisce a entrambi i partner un mutuo interesse.

?   Fondata il 28 marzo 2002, Renault-Nissan BV è una società di diritto olandese le cui partecipazioni sono equamente suddivise tra Renault SA e Nissan Motor Co. Ltd. È incaricata della gestione strategica dell'Alleanza.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©