Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Riapre la base italiana in Antartide

Via alla spedizione nel nuovo assetto del PNRA

Riapre la base italiana in Antartide
03/11/2011, 20:11

Con un primo gruppo di 20 tecnici è stata riaperta la base antartica italiana di Baia Terra Nova,rinominata “Stazione Mario Zucchelli'',in memoria del leader di molte spedizioni,nonché Presidente del Consorzio per l’attuazione del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA) scomparso nel 2003.
Il PNRA in Italia è iniziato nel 1985 dopo che il Paese ha firmato il Trattato Antartico nel 1981.
 Si è dato dunque il via alla spedizione italiana in Antartide 2011-2012, la prima organizzata nell'ambito del nuovo assetto organizzativo del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide ,che si propone di sostenere e sviluppare la ricerca scientifica e tecnologica sull'Antartide in vari settori di interesse strategico come i cambiamenti globali ,i processi climatici ,la biodiversità e l’adattamento evolutivo e dell'uomo .
La nuova spedizione puo' contare su circa 190 persone fra ricercatori e logistici e su un finanziamento di 18 milioni da parte del ministero per l'Istruzione, l'Universita' e la Ricerca.
La superfice di questo continente è grande una volta e mezza l'Europa, è per il 98% coperta da ghiaccioe il suo spessore medio è di 2.160 metri. L’Antartide rappresenta la più grande riserva naturale incontaminata del pianeta.
 

Commenta Stampa
di Broegg Anna Carla
Riproduzione riservata ©