Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Ricerca, troppi Omega3 fanno venire il cancro alla prostata


Ricerca, troppi Omega3 fanno venire il cancro alla prostata
15/07/2013, 17:51

SEATTLE (Usa) – Una ricerca condotta negli Stati Uniti rivela che assorbire troppi OMEGA3 aumenterebbe il rischio di cancro alla prostata.

Lo sostengono i ricercatori statunitensi del Fred Hutchinson Cancer Research Centre di Seattle in uno studio pubblicato sul Journal of the National Cancer Institute.

Secondo i dati della ricerca, che ha coinvolto più di 2 mila uomini, l’olio di pesce alza il rischio di contrarre un cancro alla prostata del 43%. Ma non basta, se si vanno a guardare i dati relativi alle forme più maligne del tumore la percentuale si alza fino al 71%.

Omega 3 dannosi quindi alla salute? E’ presto per dirlo anche perché per gli studiosi i motivi non sono stati ancora individuati, salvo avanzare l’ipotesi che un eccesso di assunzione potrebbe influire negativamente sul Dna o sul sistema immunitario.

Alan Kristal, uno dei coordinatori della ricerca, spiega che con il susseguirsi degli studi sull’argomento “scopriamo che elevate dosi di integratori non hanno effetto o aumentano il rischio di sviluppare la malattia che si sta cercando di prevenire”.

Sempre riferendosi agli integratori lo scienziato chiarisce che “In realtà non c’è un singolo esempio in cui assumere un integratore riduca il rischio di malattie croniche”.

Ma a prescindere dagli integratori, la situazione è così poco chiara che gli autori, in attesa di approfondire la questione con nuove ricerche, suggeriscono di ridurre anche il consumo di omega 3 contenuti nei pesci che ne sono più ricchi, come lo sgombro o il salmone. Il consiglio è quello di non consumare più di due porzioni a settimana.

Al di là di questa notizia, sono comunque moltissimi gli studi che attribuiscono agli Omega 3 effetti benefici sulla salute cardiovascolare.

 

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©