Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Rifiuti, assessore Romano a Bruxelles incontra commissione petizioni


Rifiuti, assessore Romano a Bruxelles incontra commissione petizioni
22/06/2010, 20:06

L’assessore all’Ambiente della Regione Campania, Giovanni Romano, ha espresso viva soddisfazione per l’incontro che si è svolto a Bruxelles con la Commissione Petizioni del Parlamento europeo. “Abbiamo compiuto oggi - ha detto l’assessore - un primo passo verso la procedura di sblocco dei fondi europei: il 10 luglio prossimo terremo un incontro finalizzato proprio ad avviare l’iter. L’apertura del dialogo ha infatti consentito alla Commissione di rideterminare il giudizio espresso sulla Campania: i dirigenti presenti, tra cui David Lowe (inglese, capo del Segretariato della Commissione Petizioni del Parlamento europeo,) e Leffler Carolyn (svedese, funzionaria della commissione petizioni), dopo un confronto serrato hanno condiviso il Piano che abbiamo presentato e che prevede l’ampliamento degli impianti esistenti, la non apertura delle discariche di Cava Vitello e Valle della Masseria e una strategia di riduzione dei rifiuti da mandare in discarica anche attraverso una raccolta differenziata spinta”. “La Commissione, che ha manifestato una grande disponibilità all’ascolto, - ha aggiunto l’assessore Romano - ha fissato un primo momento di verifica tra quattro mesi e si è detta pronta ad un confronto costante atto a verificare che ciò che andremo a programmare sia coerente con le direttive europee. Ai componenti ho chiesto di aiutarmi presso il Governo nazionale - ha evidenziato l’Assessore - per ottenere il prestito agli Enti locali da parte della Cassa Depositi e Prestiti. Ai dirigenti ho anche potuto far notare che la crisi che attualmente vive la Campania non è di tipo strutturale, ma è dovuta alle proteste dei lavoratori per i mancati pagamenti delle spettanze. Significativi - ha precisato ancora Romano - sono stati il sostegno dei quattro parlamentari europei presenti (Erminia Mazzoni, Enzo Rivellini, Andrea Cozzolino ed Enzo Iovine) e l’opera svolta da Dario Gargiulo, dirigente responsabile dell’Ufficio regionale a Bruxelles”.

L’europarlamentare del Pdl-Ppe Enzo Rivellini, eletto nella circoscrizione Italia Meridionale, ha rilasciato la seguente dichiarazione: « In un momento di grande grigiore generale devo complimentarmi con l’assessore regionale all’Ambiente Romano per la relazione che ha esposto oggi alla Commissione Petizioni a Bruxelles.
È stato, nella diffidenza generale dei franco-tedeschi, chiaro e preparato anche se non è certo questa commissione il punto cruciale per lo sblocco dei 456 milioni di euro previsti per le bonifiche del nostro territorio. Ricordo che l’Italia, e non la Campania, è la destinataria della procedura d’infrazione e che la questione è nata sia perché la nostra Regione nel 2007 non ha presentato il piano rifiuti sia per l’emergenza che si è verificata. E’ presso la DGR Ambiente e non in Commissione Petizioni, che naturalmente ha un suo ruolo ed una sua importanza, che i parlamentari campani di ogni schieramento devono fare fronte comune per dare ai nostri concittadini una speranza di rivedere la nostra terra ridiventare Felix.
Trovo per così dire irrituale che il capo delegazione della missione effettuata in Campania poche settimane fa da parte della commissione Petizioni, unitamente ad altri deputati europei, sia venuta a Napoli prima dell’audizione di oggi dell’assessore Romano emettendo sentenze di condanna credo inopportune ed intempestive. Comunque permettetemi di osservare che la Giunta Caldoro fino ad ora oggettivamente mediocre ed incapace di dare risposte concrete ai campani si sia in qualche modo riscattata con l’audizione odierna dell’assessore Romano». 

"E un´agenda fitta di appuntamenti quella che si profila per la Commissione Petizioni del Parlamento Europoeo, in conseguenza degli impegni assunti oggi, nel corso dell´attesa audizione, dall´Assessore regionale Giovanni Romano sulla gestione dei rifiuti in Campania." Cosí la Presidente Erminia Mazzoni (Ppe- Pdl) al termine dell´incontro che completa il ciclo di audizioni della delegazione inviata in Campania ad Aprile dalla Commissione Petizioni. "L´assessore Romano - prosegue l´On. Mazzoni- ha fissato obiettivi chiari e scadenze certe, sovvertendo la regola della opacita´ e della approssimazione che ha governato il sistema fino ad oggi. La scaletta prevede: presentazione della bozza di piano per la gestione integrata dei rifiuti entro 4 mesi e definitiva approvazione entro dicembre; approvazione del piano di gestione dei rifiuti speciali entro un mese; definizione di un programma che, escludendo in via definitiva l´apertura della seconda discarica di Terzigno nella zona di Cava Vitiello e la utilizzazione della discarica di Valle della Masseria, opti per il prolungamento della capacitá operativa degli impianti attuali per complessivi 36 mesi in attesa della messa a regime dei termovalorizzatori di Salerno e Napoli est e della nuova strutturazione degli Stir come piattaforme globali per l´intero ciclo". La Commissione Esecutiva, dal suo canto, ha ribadito le tre condizioni necessarie per lo sblocco degli oltre 135 milioni di euro: adozione di un piano regionale di smaltimento, cessazione della gestione commissariale, rendicontazione dettagliata e trasparente dell´attivitá di gestione che preveda obiettivi coerenti con la strategia. Apprezzamento da parte dei membri della Commissione per le linee di piano illustrate dall´Assessore, fondate sulla necessitá di promuovere una nuova cultura della sostenibilitá che punti alla riduzione della quantitá di rifiuti prodotti e rilanci le azioni di contrasto alle infiltrazioni della criminalitá organizzata, con un innovativo sistema di tracciabilitá totale dei rifiuti. "La Commissione Petizioni- conclude Erminia Mazzoni- potrá ora procedere alla stesura definitiva della proposta di relazione da presentare alla Commissione Europea, che verra´ discussa in commissione il prossimo 15 luglio e approvata a settembre."

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©