Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Rifiuti: Legambiente, emergenza campana? Film che si ripete


Rifiuti: Legambiente, emergenza campana? Film che si ripete
24/09/2010, 16:09


NAPOLI - "Stiamo assistendo a un film che si ripete da ormai 16 anni con uno unico copione: quello del gioco dello scaricabarile sulle responsabilità". Così, Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania commenta la recente recrudescenza dell'emergenza rifiuti in Campania. "Di una cosa siamo stati sempre sicuri - prosegue Buonomo - l'emergenza rifiuti risolta era quella visibile e che faceva notizia, ma quella strutturale era stata solo sommersa e ancora troppo lungo è l'elenco di inefficienze e ritardi". "Nonostante l'aumento dei comuni virtuosi, - sottolinea il presidente regionale di Legambiente - la raccolta differenziata ancora stenta a decollare nella metropoli e nelle città della provincia di Napoli, le discariche fanno ancora la parte del leone, a discapito dei territori, molto spesso di eccellenza, e di comunità sofferenti, mentre prosegue la telenovela infinita, frutto di indecisione, incapacità e malapolitica, degli impianti di compostaggio". Per Buonomo "sono necessari, anzi imprescindibili, ma ancora lontani dall'essere costruiti. E dalla loro mancanza, ennesimo paradosso, i più penalizzati sono i comuni virtuosi, costretti a portare a centinaia di chilometri il proprio organico, a costi insostenibili". Buonomo ritiene necessario "far ripartire gli impianti di Giugliano, Caivano e Tufino, distrutti nella fase acuta dell'emergenza, che possono entrare in funzione in poche settimane". "E gli atti intimidatori e la violenza - conclude presidente Legambiente Campania - certamente non fanno altro che peggiorare una situazione di per sé già fragile".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©