Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Rifiuti, Palmieri: "Con nuovo contratto Asìa tutto come prima"


Rifiuti, Palmieri: 'Con nuovo contratto Asìa tutto come prima'
11/11/2013, 15:38

"Il nuovo contratto di servizio con l’Asìa non affronta temi cruciali e non risolve le gravissime criticità dello spazzamento, della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti urbani ma si limita a cristallizzare l’esistente che poi è davvero poco. Manca un Piano industriale che, risorse finanziarie alla mano (cittadine, regionali o europee che siano) dovrebbe dirci cosa farà l’Asìa e con quali mezzi da qui a cinque anni. Né c’è ancora l’ombra della Carta dei Servizi. Comprendo che allo stato non c’è ancora una legge che dica se le aziende municipali dovranno o meno gestire l‘impiantistica, ma non spendere neppure una parola almeno sulla futura dotazione di mezzi e attrezzature o anche sulla formazione e l‘utilizzo del personale mi pare davvero troppo. Francamente non credo che alla città serva un Contratto di servizio che lascia le cose come stano”.
Così Domenico Palmieri, capogruppo di Liberi per il Sud del Consiglio Comunale di Napoli, intervenuto oggi in Commissione Ambiente sulla proposta di delibera del nuovo Contratto di Servizio Asìa.
“Di più, immaginare di proseguire con un servizio di raccolta differenziata a macchia di leopardo che consente ai ‘turisti del sacchetto’ di farla franca e non prevedere, laddove la differenziata non c’è, almeno la separazione del secco dall’umido e l’istituzione di una task force di ausiliari dell’ambiente deputati al monitoraggio e al controllo, non serve a nulla se non a perpetrare sprechi e inefficienze”.
“La verità  - conclude Palmieri - è che con questa proposta di delibera restiamo ancora all’anno zero con l’aggravante che, nelle more che qualcosa si muova, ai cittadini è stata pesantemente raddoppiata la relativa tassa comunale”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©