Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Rischio idrogeologico, Santori: Serve cabina di regia Comune-Regione

Ancora non iniziati lavori previsti dal decreto emergenza

Rischio idrogeologico, Santori: Serve cabina di regia Comune-Regione
03/09/2013, 17:34

ROMA - "Apprezziamo le parole di Di Loreto e l'impegno dei geologi romani per la salvaguardia idrogeologica della città. L'Ordine dei Geologi del Lazio sarà senz'altro utile non solo nella mappatura delle aree a rischio ma soprattutto nella riorganizzazione dell'Amministrazione, ad oggi soggetta alle inefficienze di competenze interistituzionali che poco hanno favorito l'efficacia delle azioni in favore della sicurezza dei del territorio romano e laziale", così dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio e membro della commissione Ambiente, in merito all'incontro avvenuto oggi tra l'assessore Estella Marino e il Consiglio Nazionale dei Geologi.
"Ad oggi Roma Capitale dispone effettivamente di un solo geologo, esiste un ufficio della Provincia di Roma denominato Servizio Geologico e la maggior parte delle competenze sono in capo al Dipartimento Istituzionale e Territorio della Regione Lazio. In tutto questo contesto continuano ad essere ancora importanti le competenze, e soprattutto le risorse, che attualmente restano sotto la salvaguardia del Ministero dell'Ambiente", prosegue la nota di Santori. "Le difficoltà di questa ampia quanto ingarbugliata suddivisione dei poteri, oltre alle carenze delle risorse umane a disposizione dell'amministrazione comunale, ha causato più di una farraginosità negli interventi da concretizzare, anche di quelli prioritari: soprattutto se pensiamo che buona parte degli interventi previsti dai provvedimenti sull'emergenza Ventotene, frutto di un accordo tra l'allora ministro dell'Ambiente Prestigiacomo e la Regione Lazio, ancora non sono stati portati a compimento, uno su tutti quello di Via Giannetto Valli al quartiere Portuense", conclude Santori. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©